Liberi tutti

Musica per un altro 25 aprile

Anche quest’anno si è festeggiato un 25 aprile; non solo in Italia. La data evidentemente portava bene ai ribelli, e in Portogallo si sono celebrati i 40 anni tondi della Rivoluzione dei garofani, che nel 1974 pose fine a quasi mezzo secolo di dittatura. Le canzoni vi ebbero un ruolo importante. Alcune delle fasi più delicate delle operazioni militari che portarono alla deposizione del dittatore Marcelo Caetano, all’alba di quel giorno, si svolsero dopo la trasmissione alla radio di due canzonette assai diverse, usate come segnale in codice. Una si chiamava “Dopo l’addio”, e quell’anno aveva vinto il locale festival della canzone nazionale (c’è un Sanremo a ogni latitudine). L’altra era invece intitolata al paesello di Grândola, nella regione contadina dell’Alentejo, dove il cantante e poeta José Afonso, servendosi di una strofa chiastica con una musica semplice semplice e un’eco di stivali in marcia di sottofondo, aveva osato immaginare una terra dove il popolo comanda e la fraternità regna sovrana. Un messaggio del genere alla radio, sotto una dittatura, voleva dire che non si poteva più tornare indietro. E infatti, prima che i gerarchi se ne accorgessero, l’esercito e il popolo erano già in piazza. Finì (quasi) senza sangue.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment