Fondi europei, Puglia al top in Italia

Secondo il rapporto della Commissione europea, la nostra regione assieme alla Sardegna è quella che meglio utilizza, in Italia, i fondi per lo sviluppo dell’innovazione e della ricerca nelle imprese

La Puglia è, insieme alla Sardegna, la regione italiana che meglio utilizza i fondi europei per lo sviluppo dell’innovazione e della ricerca nelle imprese. Il dato emerge dall'ultimo Regional Innovation Scoreboard (RIS), il rapporto annuale della Commissione Europea che classifica 190 regioni europee in base alla loro capacità di stare al passo con l’innovazione tecnologica, suddividendole in quattro categorie: leader, follower, innovatori moderati e in ritardo. Nella categoria delle regioni considerate “innovatori moderati” anche quest’anno figurano la Puglia e la Sardegna, che presentano i più consistenti investimenti a sostegno dell’innovazione d’impresa e della commercializzazione, insieme alla Grecia (Anatoloki Makedonia), al Portogallo (Regione Autonoma di Açores), alla Francia (Martinica e Corsica) e alla Svezia (Norra Mellansverige e Mellersta Norrland). Dati alla mano, in Puglia il RIS registra un tasso di investimenti in ricerca e sviluppo nel settore pubblico pari allo 0,35% rispetto al PIL regionale, molto vicino alla media europea (0,36%), e un indice dello 0,51 (percentuale di fatturato attribuibile alla vendita di prodotti innovativi alle sole PMI, rispetto al fatturato totale) per la quantità di vendite di prodotti innovativi alle imprese, in linea con le altre regioni italiane. Nonostante un trend costantemente in crescita, c’è ancora molto da fare perché gli indici relativi al numero dei laureati (0,21% nella fascia di età compresa tra i 30 e i 34 anni), agli investimenti in ricerca e sviluppo nel privato (0,16% del PIL regionale), alla collaborazione tra le PMI innovative (0,05% del numero totale di PMI presenti sul territorio pugliese) e ai brevetti (0,16 per ogni miliardo del PIL nazionale) riescano a raggiungere la media europea. L’esigenza di potenziare alcuni degli indicatori che determinano l’indice di innovazione è, dunque, fondamentale per consentire alla Regione Puglia di risalire la china della classifica italiana delle regioni ad alto tasso di innovazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!