Ex lsu scuola. Stefàno: ‘Obiettivo proroga contratti’

Roma. Stefàno commenta l’approvazione dell'odg sull’attivazione di misure per garantire la proroga dei contratti. “E’p una brutta storia all’italiana”

ROMA – “Il nuovo Governo non trascuri la vicenda degli ex LSU scuola, si giunga intanto alla proroga del contratto”. È il commento del senatore Dario Stefàno all'ordine del giorno, di cui è primo firmatario, che è stato approvato ieri dall’Aula del Senato nell'ambito della discussione per l'approvazione definitiva del disegno di legge di conversione del decreto “milleproroghe”. Con l’ordine del giorno si impegna il Governo ad attivare, con urgenza, in collaborazione con il Parlamento qualora la soluzione sia possibile solo tramite atti legislativi, misure atte a garantire la proroga dei contratti dei lavoratori LSU. “In questa brutta storia all’italiana – aggiunge il senatore – noi siamo fermi al tweet del 18 febbraio scorso con cui l'allora ministro della pubblica istruzione Carrozza confermava il proprio impegno con queste parole: ‘Sono al Senato a trovare una soluzione per i lavoratori socialmente utili della scuola almeno temporanea’; sostenendo inoltre di aver trovato la copertura finanziaria di venti milioni di euro sufficienti per assicurare la proroga di un mese, fino a fine marzo 2014, delle assunzioni”. “Il nuovo Governo – conclude Stefàno – dia seguito all’ordine del giorno approvato oggi con l’urgenza dovuta, poiché la vicenda dei 24.000 lavoratori ex lsu della scuola rappresenta una vera e propria emergenza sociale, uno dei peggiori risultati della cieca politica rigorista dei passati governi che attraverso una serie indiscriminata di tagli ha fatto ricadere sulle spalle di una categoria debole e indifesa il peso di politiche che aumentano esponenzialmente le disuguaglianze”. Articoli correlati: Ex lsu scuola: Stefàno sollecita soluzioni Ex lsu scuola: la protesta a Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!