Cocaina in casa. 33enne finisce in carcere

Copertino. Il via vai dalla sua abitazione ha messo in allerta i carabinieri che hanno fatto irruzione trovando conferma ai propri sospetti

COPERTINO – I carabinieri avevano notato che continuava ad ospitare presso la sua abitazione numerosi tossicodipendenti della zona. Così, dopo aver verificato che non si trattasse di episodi sporadici ma continuato nel tempo, hanno deciso di intervenire e di fare irruzione in casa. Al momento del blitz, Fabio Frisenda, 33 anni, di Copertino, già noto alle forze dell’ordine, ha prima negato la presenza di qualsiasi sostanza stupefacente. Poi non ha potuto fare altro che confermare i sospetti dei militari, dal momento che la perquisizione dell’abitazione ha permesso di rinvenire 15 dosi di cocaina, per complessivi 7 grammi, all’interno della confezione di uno sciroppo per la tosse, contenuto in un armadietto del bagno.

Fabio Frisenda

Fabio Frisenda In un cassetto del comò della stanza da letto, invece, era stato nascosto materiale per il confezionamento ed il taglio, oltre ad un bilancino di precisione per il peso delle dosi. Frisenda, già sottoposto alla misura dell’avviso orale di pubblica sicurezza, è stato tratto in arresto e condotto presso la casa circondariale di Lecce, su disposizione del pm di turno, Antonio Negro.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati