Ispezioni agli ulivi malati. Spazi popolari: ‘Presenziare ai controlli’

Sannicola. La richiesta del Comitato alla delegazione di commissari in visita in Puglia per verificare che le misure di quarantena siano rispettate

SANNICOLA – Poter presenziare alle visite nei campi. Lo chiede il comitato Spazi Popolari di Sannicola alla delegazione di commissari dell’Ufficio alimentare e veterinario della DG Sanco (la Direzione generale per la salute e i consumatori) che da oggi al 14 febbraio sarà in Puglia per appurare che le misure da quarantena imposte dai Paesi membri agli uliveti colpiti da Xylella Fastidiosa siano effettivamente rispettate. Avendo conoscenza diretta del territorio interessato dal disseccamento ed essendosi attivati da subito nella ricerca dell'origine del malanno, i membri del Comitato vorrebbero poter guidare i commissari nella loro visita “poiché – spiegano – abbiamo conoscenza diretta dei siti maggiormente colpiti e di quelli che, seppur insidiati nella ‘zona focolaio’, non sono vittime dei patogeni e della relativa sintomatologia”. Inoltre, il Comitato vorrebbe far visionare agli esperti fitosanitari da Bruxelles quanto prospettato in una recente pubblicazione scientifica, redatta da alcuni ricercatori del dipartimento di Scienze Agrarie, degli alimenti e dell’ambiente dell’Università degli Studi di Foggia insieme ai colleghi del Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell’Ambiente, sezione Patologia Vegetale ed Entomologia dell’Università degli Studi di Firenze, che offrirebbe spunti di riflessione ed incongruenze con quanto svolto e divulgato finora da parte dagli enti accreditati. Articoli correlati: Forum Ambiente Salute: chiarezza sugli ulivi Morìa ulivi: Confindustria chiede fondi straordinari Gli Ulivi stanno morendo: il Salento chiede aiuto

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment