Stagione lirica della Provincia. Corsa ai biglietti

Lecce. E’ partita la prelazione per l’acquisto degli abbonamenti. Ricco e di alto livello il Cartellone, di scena dal 28 febbraio al 30 marzo

LECCE – Siamo alla numero 45. Che vuol dire grandi nomi, grandi opere, insomma grande Cartellone. E’ la 45esima Stagione lirica della Provincia di Lecce ed è ormai alle porte. E’ tempo, dunque, di acquistare biglietti ed abbonamenti. E’ partita la prelazione per l’acquisto degli abbonamenti dedicata ai vecchi abbonati, che hanno tempo fino a domenica 9 febbraio. Dal 10 al 16 febbraio, invece, sarà possibile acquistare i nuovi abbonamenti, mentre da martedì 18 febbraio partirà la vendita dei singoli biglietti. La biglietteria, presso il botteghino del Teatro Politeama Greco di Lecce, è aperta dal lunedì al sabato (10-13 e 18-20) e la domenica (17-20). Tutte informazioni sono disponibili sul sito istituzionale www.provincia.le.it. Il nuovo cartellone, messo a punto sotto la direzione artistica del maestro Sergio Rendine, sarà di scena sul palcoscenico del Teatro Politeama Greco di Lecce, dal 28 febbraio al 30 marzo 2014. Prima opera in scena sarà, venerdì 28 febbraio, il “Don Carlo” di Giuseppe Verdi con la regia di Golat Ludek. Maestro concertatore e direttore d’orchestra sarà Filippo Maria Bressan. La replica è prevista per il 2 marzo. Il 14, 15 e 16 marzo sarà la volta di “Tosca” di Giacomo Puccini, con la regia di Enrico Castiglione. Maestro concertatore e direttore d’orchestra sarà Marcello Panni. Infine, il cartellone 2014 propone la tormentata e struggente storia d’amore di “Orfeo ed Euridice” di Christoph W. Gluck, in calendario il 29 e il 30 marzo. La regia dell’opera, che ripercorre musicalmente il celebre mito narrato da Ovidio nelle sue “Metamorfosi”, è di Carlo Antonio De Lucia, la regia coreografica è di Fredy Franzutti. Maestro concertatore e direttore d’orchestra è Francesco Ledda.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati