Nel pavimento nascondeva un arsenale, arrestato un 30 enne

Galatone. Arrestato 30enne di Galatone e denunciate la moglie e la suocera per detenzione abusiva di armi

Galatone. I Carabinieri dell’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gallipoli hanno oggi tratto in arresto, in flagranza di reato, Antimo Marzano, 30enne di Galatone, già noto alle Forze di Polizia e rispettivamente fratello e figlio di Giuseppe e Mattia Marzano, attualmente in carcere per le vicende del tentato omicidio di Marco Caracciolo, avvenuto in 28 ottobre del 2012. Anche Antimo Marzano, per quei fatti, era sottoposto all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. Ieri mattina i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Gallipoli si erano recati a casa sua per un controllo di routine, che periodicamente viene pianificato nei confronti dei soggetti più “noti” e ritenuti più pericolosi. Aperta la porta lo hanno visto particolarmente nervoso e pertanto hanno deciso di procedere ad una perquisizione dell’abitazione. Richiesto l’ausilio delle Unità cinofile della Compagnia della Guardia di Finanza di Lecce, la perquisizione domiciliare non ha portato alla luce alcunché di illecito se non fosse stata la strana circostanza che, all’interno del garage dell’abitazione, il cane-finanziere “Olivia” ha iniziato a sentire qualcosa segnalandolo insistentemente. L’animale non riusciva però ad indicare un punto preciso. In quel momento, consci del fatto che in quel locale ci doveva essere qualcosa di illecito, i militari dell’Aliquota Operativa si sono resi conto della presenza, sul pavimento, di una zona con una cementificazione diversa da quella del resto del locale, palesemente avvenuta in un momento recentissimo. La diversità del cemento ha portato gli inquirenti a pensare che sotto si trovasse qualcosa. Autorizzati dal magistrato a rimuovere quel massetto di cemento, grande è stata la sorpresa dei militari quando hanno rinvenuto, sotto alla colata di cemento, una nicchia ricoperta di legno con all’interno un vero e proprio arsenale. Nella fattispecie sono stati rinvenuti due fucili a canne e calcio mozzato chiusi dentro buste di cellophane e un borsello con due pistole. Uno dei fucili ed una delle pistole sono risultate essere con matricola abrasa, mentre l’altra pistola è risultata essere tipo “soft air” e quindi di libera vendita, seppur privata del necessario tappo rosso. Assieme alle armi numerose munizioni sia per la pistola (70 munizioni cal. 7,65) che per i due fucili (N. 40 cartucce cal. 12 di varie tipologie). A questo punto l’uomo è stato tratto in arresto per il reato di detenzione abusiva di armi comuni da sparo e relativo munizionamento e detenzione di arma clandestina. Le due conviventi di MARZANO, la moglie M.T. 29enne e la suocera R.F. 60enne, sono invece state denunciate in stato di libertà con la stessa accusa. Su disposizione del P.M. di turno, Dott. Massimiliano CARDUCCI, Marzano è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment