A Palazzo Comi una mostra sul Salento preistorico

Lecce. A palazzo Comi si viaggia nel tempo con una mostra archeologica ed un seminario per riscoprire. Le antiche erbe commestibili del Salento

Lecce. Le antiche sale di Palazzo Comi, a Lucugnano, sede decentrata della Biblioteca provinciale, ospitano a febbraio due interessanti iniziative culturali promosse dall’associazione Archès, con il patrocinio della Provincia di Lecce e di altre istituzioni. Sabato 1 febbraio alle ore 18, nell’accogliente saletta di Palazzo Comi adibita a museo della civiltà contadina e della terracotta, sarà inaugurata la mostra archeologica “Il Salento meridionale dal Paleolitico medio all’età dei metalli”, ideata dall’associazione Archès e organizzata con l’autorizzazione del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo – Soprintendenza per i Beni archeologici della Puglia, in collaborazione con la Biblioteca Provinciale “Girolamo Comi”, la Libera Università Popolare Sud Salento Unito e il patrocinio della Provincia di Lecce e dei Comuni di Tricase e Salve. Il programma prevede il saluto del sindaco di Tricase Antonio Coppola e gli interventi dell’archeologo Antonio Mangia e del presidente di Archès Marco Cavalera, che faranno il punto sulle ultime acquisizioni archeologiche nel Salento meridionale e sulle prospettive di tutela e valorizzazione del patrimonio storico-culturale. Al termine della serata sarà offerta una degustazione di prodotti tipici locali. La mostra archeologica propone un viaggio nel tempo, di oltre 70.000 anni, riassunto in sei pannelli divulgativi che illustrano, con testi e foto, le principali tappe e i luoghi più significativi del passaggio dell’uomo preistorico nel Capo di Leuca. L’iniziativa rientra nel progetto “La linea del tempo. Il Salento meridionale dal Paleolitico medio all’età dei metalli”, nell’ambito del Programma delle Attività Culturali per il Triennio 2013-2015 della Regione Puglia, Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo. L’esposizione sarà aperta al pubblico gratuitamente tutto il mese di febbraio nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì (ore 9-13), martedì e giovedì (ore 9-13 e 15-17). Resterà chiusa il sabato e la domenica. Il secondo appuntamento in programma è venerdì 7 febbraio, alle ore 18, nella sala conferenze di Palazzo Comi, con il seminario di etnobotanica “Riscoprire, riconoscere e degustare le erbe spontanee del Salento”, curato da Roberto Gennaio, con la partecipazione degli esperti Roberto Malerba e Vito Lisi. Anche questa iniziativa rientra nella serie di incontri “La linea del tempo. Il Salento meridionale dal Paleolitico medio all’età dei metalli”, proposti dall’associazione culturale Archès, in collaborazione con la Libera Università Popolare Sud Salento Unito e la Biblioteca Provinciale “Girolamo Comi” e con il patrocinio della Provincia di Lecce e del Comune di Tricase. L’incontro, coordinato da Maria Rosaria Angelè, focalizzerà l’attenzione sulla riscoperta delle piante spontanee eduli del Salento, con particolare attenzione a quelle commestibili. Si tratta di erbe che hanno nutrito l’uomo per generazioni e ora, a causa di un uso intensivo di prodotti chimici, corrono un serio pericolo di estinzione. Un’accurata selezione fotografica e una minuziosa relazione di Roberto Gennaio, autore della ricerca, permetteranno di riconoscere le piante spontanee commestibili del Salento, con l’obiettivo da una parte di tutelarle e, dall’altra, di valorizzarne l’uso alimentare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment