3 milioni ritornano nelle tasche dei pensionati

Bari. Rientrano nelle tasche dei pensionati pugliesi 3 milioni e mezzo di euro grazie a indagine e ricorsi gratuiti verso Inps

Bari. 3.481.275 euro sono i soldi recuperati, e fino a oggi non percepiti, da migliaia di pensionati pugliesi. Somme non corrisposte e che ora sono state riconosciute dall’Inps. Un importante risultato, in favore di migliaia di famiglie pugliesi, ottenuto grazie a due anni e mezzo di lavoro certosino fatto in Puglia dal Patronato dell’Inca e dal Sindacato dei pensionati SPI Cgil: 5.964 le pensioni, già erogate dall’Inps, esaminate negli uffici del Patronato e nelle sedi SPI, dal 2011 a oggi, migliaia le verifiche effettuate per conto dei pensionati e a titolo gratuito, come è consuetudine per i servizi Inca Cgil. “Tutti i pensionati e le pensionate pugliesi che si sono rivolti a noi, sia iscritti che non iscritti al nostro sindacato, hanno ricevuto assistenza e tutela, senza sborsare un euro”, tiene a sottolineare il Segretario generale dello Spi Cgil Puglia Giuseppe Spadaro: “La maggior parte di loro – continua Spadaro – vive con dignità le difficoltà quotidiane economiche e sociali e spesso sostiene, come può, situazioni difficili che si creano nelle famiglie a causa della crisi occupazionale che colpisce figli e nipoti. È per noi motivo di orgoglio riuscire a rivendicare somme che testimoniano anni di sacrificio e di lavoro che a volte, per varie ragioni, sfuggono al calcolo dell’Inps”. “Dopo aver controllato la documentazione di quasi seimila pensioni”, spiega il Direttore regionale Inca Cgil Michele Tassiello, “abbiamo verificato e ricostruito i percorsi di ogni singolo pensionato, individuando periodi di contribuzione non conteggiati e che ora sono stati riconosciuti dall’Istituto di previdenza”. Quasi tremila le domande di ricorso presentate dalle sedi INCA e SPI Cgil pugliesi all’Inps: “2.275 domande di ricostituzione”, specifica il Direttore Inca, “più 633 richieste di supplemento di pensione. Al momento ne sono state respinte soltanto 281 e il nostro lavoro non si è fermato, stiamo continuando a verificare e inviare documentazione all’Inps”. Ecco come si riparte, provincia per provincia, la somma al momento recuperata di 3 milioni 481 mila 275: – provincia Bari: 1 milione 339 mila 745 euro recuperati – provincia Lecce: 932 mila 460 euro recuperati – provincia Taranto: 432 mila 870 euro recuperati – provincia Brindisi: 425 mila 190 euro recuperati – provincia Foggia: 323 mila 370 euro recuperati – provincia BAT: 27 mila 640 euro recuperati

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment