Argento per Francesca Ceo

Bari. L'atleta barese, con la maglia della nazionale italiana, ha conseguito una preziosa medaglia d'argento al termine della 3rd Mations Cup, di scena in Serbia.

Bari. La rinascita, ha il colore dell'argento. Almeno secondo la 17enne barese Francesca Ceo, la quale dopo circa un anno di assenza dal ring, è riuscita a conseguire una preziosa medaglia d'argento durante la terza edizione della Nations Cup, di scena (dall'8 al 12 gennaio scorsi) all'interno dello Sports hall CFK “Drago Jovovic” a Vrbas (Vojvodina) in Serbia. Alla prestigiosa kermesse – cui hanno preso parte 235 atlete (110 Elite, 78 Youth, 47 Junior) provenienti da 23 nazioni, per la categoria Youth kg 48 – la Ceo è stata l'unica rappresentante azzurra a giungere all'ambita finale. Gli incontri si sono articolati sulla distanza di 4 riprese da due minuti ciascuna. Appena rientrata nel capoluogo pugliese, alla campionessa – forgiata nella palestra dell'Accademia Pugilistica Portoghese, diretta dal maestro Antonio Portoghese – abbiamo chiesto di ripercorrere le tappe della spedizione internazionale. Dopo aver smaltito l'adrenalina, come giudica Francesca Ceo, la prova sciorinata in Serbia? Beh, innanzitutto, sono stata convocata per un ritiro in programma a Santa Maria degli Angeli di Assisi (Pg): otto giorni di duro allenamento al cospetto delle altre convocate ed ovviamente tutte sotto l'attento sguardo di coach Emanuele Renzini (Responsabile Tecnico delle Nazionali Femminili). Subito dopo, siamo partiti per la Serbia per prender parte ad una manifestazione decisamente probante, in quanto hanno preso parte numerose nazioni dei Paesi dell'Est, di conseguenza, già alla vigilia, il livello tecnico si preannunciava elevato. Ovviamente l'insidia maggiore era quella di rompere velocemente il ghiaccio Sì, anche perché l'assenza dalle gare ufficiali da circa un anno era l'insidia più preoccupante. Difatti, giovedì 9, ovvero durante la mia prima prova, non è stato facile trovare il ritmo giusto per archiviare positivamente la sfida contro l'ungherese Olah. Per fortuna le sensazioni durante il match hanno iniziato ad essere buone, quindi è stato un crescendo, certificato dalla vittoria per 3-0. Giunta in Semifinale, non m'importava il nome dell'avversaria, perché avevo oramai piena consapevolezza della mia buona forma fisica e atletica. Sul ring ho trovato (sabato 11 gennaio) la kazaka Dzurgharaeva ma soprattutto ho trovato la seconda vittoria per 3-0. Giunta in finale, ho dovuto affrontare la russa Galieva, la quale si è aggiudicata la medaglia d'oro con il punteggio di 2-1. Nonostante la sconfitta sono felice della mia prestazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!