Assegnati i premi 'Michele Frascaro'

Lecce. Ecco i risultati del voto on line e della giuria che assegnano il premio giornalistico intitolato alla memoria di un cronista molto impegnato nel sociale

Dopo la valutazione della giuria, si sono concluse, alle 24 del 3 gennaio, anche le votazioni on line del Premio di giornalismo d’inchiesta intitolato a Michele Frascaro, indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti. Nel comunicare i nomi dei vincitori, ringraziamo tutti i candidati per la preziosa partecipazione. La loro risposta all’iniziativa è stata importante e di qualità e ha reso stimolante il lavoro della giuria e di tutta l’organizzazione del Premio. Vincitori del premio in denaro, destinato agli under 35 e attribuito unicamente in base al voto della giuria, sono: Emiliano Carico e Giuseppe dell’Atti con il documentario MARRACASH. Un filmato di 40 minuti che ricostruisce la storia degli appartamenti di proprietà del travestito “Mara”, nel cuore del centro storico leccese, per anni affittati ai migranti. Un’inchiesta che mette a nudo le contraddizioni all’interno delle politiche sociali della città di Lecce. Tra gli over 35, la giuria ha valutato ex aequo come migliori inchieste quelle di: Girolamo De Michele, autore di cinque articoli su Taranto e l’ILVA. Ornella Bellucci, autrice del lavoro radiofonico trasmesso da radio3.rai. che indaga quanto e come la presenza dell’ILVA incide sull’ambiente, l’economia e la società tarantini. Il premio dei lettori, attribuito in base al voto on line, va a Gianmario Leone con la sua inchiesta su “Tempa Rossa”, un giacimento scoperto nel 1989 in Basilicata, il cui petrolio sarà trasportato tramite una condotta interrata fino a Taranto. Invitiamo i partecipanti, i loro lettori e tutti gli appassionati a seguire i nostri aggiornamenti sul sito delle Manifatture Knos e sulla pagina facebook dedicata al Premio Frascaro. A breve stabiliremo e comunicheremo la data della premiazione ufficiale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!