La Camera di commercio punta al Canada

Lecce. Internazionalizzazione delle aziende salentine passa per il desk telematico Canada. C’è tempo fino al 31 dicembre per aderire.

Lecce. L’Azienda Speciale per i Servizi Reali alle Imprese della Camera di Commercio di Lecce, in collaborazione con l’ente camerale italiano in Canada, realizza nuove azioni a supporto dell’internazionalizzazione delle aziende salentine e dell’attività di valorizzazione dei risultati della ricerca applicata e technology foresight, grazie al desk telematico Canada. Si tratta di un progetto finalizzato ad assicurare la rappresentanza istituzionale ed operativa dell’Azienda Speciale dell’ente camerale salentino in Quebec (Canada), per la realizzazione di incontri telematici con potenziali partners economici canadesi. Beneficiarie saranno le le imprese salentine dei settori Arredo, Food/Wine, Turismo, Innovazione tecnologica o Start Up . Sono ammesse alla selezione per la realizzazione dei B&B con gli operatori economici canadesi, le imprese di Lecce e provincia in possesso dei seguenti requisiti: 1) iscrizione al Registro delle imprese di Lecce, sede operativa nella provincia, pagamento del diritto annuale (la Camera di Commercio provvederà a verificare la regolarità dei versamenti); 2) appartenenza ai settori indicati; 3) marchio registrato/ brevetto; 4) sito web, preferibilmente bilingue (italiano/inglese). La domanda di ammissione alla selezione dev’essere compilata su apposito modulo, company profile, disponibile on line sul sito dell’ente www.le.camcom.gov.it, sottoscritta dal legale rappresentante del richiedente ai sensi dell’art. 38 del DPR 445/2000. La data di scadenza è fissata per il 31 dicembre 2013 alle ore 12.00. L’ammissione alla selezione avverrà secondo l’ordine cronologico e il possesso dei requisiti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment