Prefettura, ‘i commercianti devono denunciare’

Lecce. All’indomani dell’attentato al bar Paisiello si è riunito il comitato per la sicurezza, la prefetta ha chiesto l’aiuto dei commercianti.

Lecce. Una cosa è certa, la bomba Caffè Paisiello non è collegata ai precedenti attentati ai bar Bellini e Carletto. Il dato è emerso durante la riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza convocato dalla prefetta Giuliana Perrotta. Hanno partecipato i vertici delle forze dell’ordine e il procuratore capo della Repubblica di Lecce Cataldo Motta. In agenda i recenti attentati in città. La prefetta ha confermato che si stanno seguendo diverse piste sull’episodio tra queste anche quelle dell’estorsione. Un appello anche ai commercianti: “L’invito è quello di denunciare per aiutarci a proteggervi e ad arginare le azioni di chi vuole delinquere, che nei prossimi giorni incontrerà la categoria per rassicurarli”. Fa sapere. Durante l’incontro si è parlato anche di prostituzione, soprattutto sugli episodi che hanno visto coinvolti dei minori. La prefetta ha chiesto un maggiore impegno da parte dei servizi sociali del comune. Potenziato il controllo delle vie cittadine con l’installazione di nuove telecamere, sopratutto nelle zone del centro storico di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!