Salvemini, a Torre Veneri presenti metalli pesanti

Lecce. Dopo le analisi effettuate dall’Arpa è stata riscontrata la presenza di piombo e alluminio, secondo Salvemini il sindaco deve intervenire

Lecce. Aggiornamenti su Torre Veneri. A comunicarli è Carlo Salvemini. La zona è utilizzata per le esercitazioni dall’esercito italiano. Gli esperti Mauro Sanna e Antonio Susanna hanno dichiarato che: “I campionamenti puntuali della sabbia dell'arenile del poligono di Torre Veneri e dei sedimenti marini nello specchio di mare antistante hanno posto in evidenza la presenza di materiali metallici. Tali materiali sono tutti da attribuire per la loro conformazione a residui di proiettili. La presenza di tali materiali è stata rilevata anche nelle analisi chimiche svolte presso i laboratori di ARPA Puglia, che hanno evidenziato in alcuni campioni la presenza di rilevanti concentrazioni di piombo e alluminio. I rifiuti ritrovati sono da classificare come metalli misti. Inoltre: “i regolamenti interni che disciplinano l'uso del poligono prevedono che l'area interessata ad una certa attività addestrativa, sia essa in bianco o a fuoco, dovrà essere sempre ripristinata nelle stesse condizioni nelle quali si trovava primo dello svolgimento della stessa. Diversamente, i materiali ritrovati sull'arenile evidenziano come non si sia ottemperato puntualmente a quanto previsto dalle prescrizioni regolamentari interne nè alla normativa tecnica prevista dal D.Lgs. 152/06 per la gestione dei rifiuti prodotti. Tale situazione è anche più grave per quanto riguarda i materiali metallici presenti in mare, per i quali sulla base della documentazione contenuta in atti non risulta sia stata svolta alcuna operazione di rimozione”. Secondo Carlo Salvemini: “emerge un inquinamento da metalli (piombo e alluminio) a terra e a mare in rilevanti concentrazioni; siamo in presenza di rifiuti che non sono stati gestiti secondo quanto previsto dalla legge; nei fondali non è stata mai svolta alcuna opera di rimozione; c'è un'indagine aperta per gestione illecita dei rifiuti; cè una consulenza tecnica che accerta una violazione di legge ai sensi del D.Lgs. 152/06 (abbandono rifiuti, violazione dell’obbligo di bonifica dei siti, violazione degli obblighi di comunicazione, di tenuta dei registri obbligatori e dei formulari.) Tutto questo, ricordiamolo, in un'area S.I.C. (Sito di Importanza Comunitaria) posta tra il Parco di Rauccio e l'Oasi Naturale delle Cesine: una situazione intollerabile. Non occorre aggiungere: spetta alla Procura chiudere le indagini, formulare ipotesi di reato, individuare gli eventuali responsabili, attivare inziative volte a tutelare l'interesse dei cittadini. Da parte nostra possiamo solo ribadire che non è più rinviabile la bonifica di Torre Veneri e che, contestualmente, diviene inevitabile chiedere nuovamente l'immediata sospensione delle esercitazioni. Sono le richieste già approvate all'unanimità dal Consiglio Comunale di Lecce in due distinte mozioni. A questo punto è dovere del Sindaco – conclude – in qualità di massima autorità sanitaria sul territorio e nel rispetto della volontà dei consiglieri, alla luce di una situazione ambientale di evidente pericolo, adoperarsi per tutelare l'interesse pubblico”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!