Provincia, riunione semideserta sulle morosità Aqp

Lecce. La provincia di Lecce accusa la poca presenza di sindaci e regione alla recente riunione sulle morosità Aqp.

Lecce. L’Assemblea dei Sindaci organizzata della Provincia di Lecce sulle morosità e riutilizzo dei materiali inerti è andata semideserta. Lo denuncia lo stesso ente. “Una problematica che sta generando un vero e proprio allarme sociale”, ha fatto notare il Presidente della Provincia Antonio Gabellone, che ha aperto i lavori coordinati dal Presidente dell’Assemblea dei Sindaci il Sindaco di Bagnolo del Salento Sonia Mariano. Il Presidente della Provincia ha espresso il suo rammarico per l’assenza della Regione e di ogni suo possibile rappresentante ad una riunione con all’ordine del giorno un tema così caldo. Presente la Coordinatrice di IACP Zappatore, numerose sigle sindacali e di difesa del consumatore e gli assessori del Comune di Lecce Messuti e Monosi. Pochi, i delegati dei comuni che non hanno inteso raccogliere questo importante opportunità per levare la loro voce a difesa dei rispettivi cittadini, che rischiano giornalmente di restare senz’acqua e di vedersi sospeso il servizio per le morosità che la crisi economica e l’attuale momento storico stanno facendo aumentare giorno dopo giorno. L’Assemblea dei Sindaci si è comunque espressa, nell’interesse del Salento e dei suoi cittadini, a difesa “del diritto inalienabile all’acqua pubblica” – ha sottolineato fortemente Gabellone – e “per la tutela dei servizi essenziali dei cittadini”. Per questo la convocazione sarà nuovamente aggiornata nel breve periodo per prendere una posizione forte e numericamente partecipata in questa direzione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment