Nuovo attentato a Marti, incendiata l’auto

Lecce. Semi distrutta l’auto della moglie di Roberto Marti, parlamentare di Forza Italia, è il secondo attentato.

Lecce. Attentato attentato in mattinata a Lecce. Nuovamente vittima l’onorevole di Forza Italia Roberto Marti: ignoti hanno appiccato il fuoco al suv della moglie. Dei passanti hanno allertato i vigili del fuoco, i quali hanno bloccato le fiamme prima che si propagassero altrove. La Land Rover ha subito notevoli danni, le fiamme sarebbero partite dalla ruota all’altezza del serbatoio di benzina. Quello di oggi è il secondo episodio intimidatorio, l’ultimo risale all’aprile del 2011, quando sempre davanti alla propria abitazione la sua auto venne praticamente distrutta. Piena solidarietà dal presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone: “L’ennesimo e purtroppo non più isolato episodio di violenza inaudita e gratuita ai danni di Roberto Marti non può restare impunito. È il momento che si faccia chiarezza e si trovino i responsabili di simili gesti, inutilmente tesi a condizionare, minacciare o spaventare un amministratore da sempre in prima linea sul territorio salentino, immerso tra i problemi reali della gente e che costantemente, giornalmente, a loro cerca di rapportarsi nel suo agire politico. Siamo per questo fiduciosi, per l’enorme mole di elementi e di possibili “indizi” che possono concorrere all’accertamento immediato della verità, il fatto che si sia trattato di un’azione mattutina, alla luce del sole, le telecamere degli esercizi commerciali nelle vicinanze, il materiale specifico (la diavolina) con cui è stato appiccato l’incendio che sarà stato certamente comprato da qualche parte. Gli inquirenti e le forze dell’ordine, pur oberate da enormi problematiche di ordine pubblico, non indugino a stringere la morsa su questo episodio e a assicurare il colpevole alla giustizia”. Continua Gabellone: “All’amico Roberto e alla sua famiglia, alla moglie che ha subito l’incendio della sua auto, la solidarietà e la vicinanza sincera di tutta la comunità salentina, nonché della comunità politica di Forza Italia del Salento. Roberto non indugi ad andare avanti sereno e circondato dalla nostra amicizia, nel suo quotidiano lavoro al servizio dei problemi del Salento e della città capoluogo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!