La Puglia abbatte le liste d’attesa

Bari. Il nuovo piano d’abbattimento delle liste d’attesa della regione prevede che gli esami vengano fatti anche la notte, il sabato e la domenica.

Bari. La Puglia cerca di ridurre le liste d’attesa e presenta una delibera. “Ora che la Regione Puglia esce dal piano di rientro, esce dal territorio più terremotato e torna alla normalità, io non vorrei che qualcuno pensasse di poter tornare ai tempi andati dobbiamo andare avanti con il cambiamento. Abbiamo fatto un cammino lungo e difficile, abbiamo dovuto scalare le montagne, risanare i conti della sanità senza che venisse ferito il diritto ad avere servizi, assistenza e cura da parte dei cittadini e degli ammalati. È stato veramente un tragitto di guerra”. Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola al termine della conferenza stampa per la presentazione della delibera, approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alla salute Elena Gentile, finalizzata all’abbattimento delle liste d’attesa in sanità. Il Piano prevede si facciano gli esami dalle 8 alle 20, con prolungamento fino alle 24, con apertura anche il sabato e la domenica. Per Vendola dunque “questo è il momento per ripartire, proprio perchè stiamo per uscire dal cono d’ombra dei tagli, dei contenimenti coatti di una ragioneria feroce che ha falcidiato i nostri conti. E’ il momento per ripartire non avendo più alibi in termini di ricostruzione di modelli organizzativi, di reingegnirizzazione del sistema, in termini di cambiamento”. “In questo quadro – ha aggiunto Vendola – la delibera sull’abbattimento delle liste d’attesa è la più strategica di questa fase di riqualificazione del sistema sanitario pugliese”. “Non è possibile immaginare – ha concluso il Presidente – che le grandi macchine per la diagnostica lavorino poche ore al giorno e che invece si allunghino le liste dei cittadini che hanno diritto di sapere se hanno una malattia oppure no. È per noi un impegno forte che di giorno in giorno rilanceremo cogliendo tutti gli elementi del sistema sanitario che meritano di essere bombardati da una guerra di cambiamento. Bisogna voltare pagina. Ci stiamo provando con tutte le nostre forze”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!