TAP, scontro M5S – Franceschini

Roma. Il M5S si oppone alla ratifica del trattato e si scaglia contro le tesi del Ministro Franceschini inviando una lettera alla Presidente della Camera

Roma. La partita per il TAP si è spostata dall ’Aula della Camera alla “Conferenza dei Capigruppo”. La riunione che stabilisce come e quando calendarizzare le discussione nell’aula parlamentare (leggi, decreti ed ogni altro argomento) ha visto lo scontro tra il M5S e il Ministro Dario Franceschini. Durante l’ultima capigruppo, infatti, il Governo ha proposto di calendarizzare la ratifica del TAP, il tanto discusso gasdotto Trans Adriatic Pipeline. A questa richiesta governativa ha risposto il deputato Alessio Villarosa, attuale capogruppo del M5S, che ha richiesto a tutti di rimandarne la ratifica in quanto non esistono ancora le valutazioni di impatto ambientale in Puglia. Ma il Ministro Franceschini non ha desistito e ha replicato che il TAP va immediatamente ratificato perché il trattato è in scadenza e sono previste pesanti penali europee in caso di ritardi e, dunque, non è possibile costringere lo Stato italiano a pagare sostanziose multe per accontentare il fronte del “No Tap” dei 5 Stelle. “E così – dichiarano i deputati pugliesi del M5S Diego De Lorenzis, Giuseppe L’Abbate, Emanuele Scagliusi, Francesco Cariello, Giuseppe D’Ambrosio, Giuseppe Brescia – la ratifica del TAP è stata calendarizzata. Peccato che eran tutte frottole. Il TAP, infatti, è un trattato commerciale, non collegato all’istituzione europea e non prevede alcuna penale né tantomeno nessun obbligo di ratifica. Se vogliamo, possiamo persino ritirarci in extremis senza ricadute di alcun tipo. Ci chiediamo perché Franceschini abbia deliberatamente mentito ai capigruppo della Camera, ottenendo così una ratifica che altrimenti sarebbe potuta tranquillamente non avvenire. Il Governo – concludono i deputati pugliesi M5S – si rivela ancora una volta prono a soddisfare le pretese delle multinazionali del petrolio e dei partner atlantici che, come riportato dai documenti di Wikileaks, non vedono per niente di buon occhio l’alternativa South Stream in partnership coi russi, quando proprio i tedeschi coi russi hanno realizzato il North Stream con grande soddisfazione reciproca”. Dopo la conferenza dei capigruppo, il portavoce M5S Alessio Villarosa ha scritto una lettera alla Boldrini per illustrarle meglio la situazione, chiedendole di posticipare la ratifica del TAP. Il MoVimento 5 Stelle, unico presente alla riunione cittadina di Melendugno con il suo deputato Diego De Lorenzis, continua la battaglia in Parlamento per un’opera ritenuta inutile e non strategica da tutta la cittadinanza, che non ne trarrà alcun beneficio, nonch é ottenuta “privatizzando i profitti e socializzando i costi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!