I media post escort. Servono ancora regole etiche?

Paolo Pellegrino, docente di Estetica presso l’Università del Salento, ha presentato venerdì sera presso l'aula magna del liceo classico di Casarano, il suo ultimo libro Etica & media. Le regole dell'etica nella comunicazione

“Servono ancora regole etiche nella comunicazione?” Questa la domanda provocatoria di Paolo Pellegrino, docente di Estetica e Filosofia morale e già presidente del corso di laurea in Scienze della comunicazione all’Università del Salento, che ha presentato, venerdì sera presso l'aula magna del liceo classico di Casarano, il suo ultimo libro Etica & media. Le regole dell'etica nella comunicazione. Intorno alle 19.00 si è dato inizio, quindi, alla quarta iniziativa all’interno dell’anno sociale 2009-10 del comitato cittadino della società Dante Alighieri presieduta da Fabio D’Astore, docente presso la facoltà di Beni Culturali dell'Università del Salento, in collaborazione e convenzione con il liceo classico di Casarano, allo scopo di promuovere la lingua e la cultura italiana. Dopo una breve introduzione proprio da parte di Fabio D’Astore, moderatore della serata, a presentare ed illustrare accuratamente il volume, edito da Congedo, è stato Antonio Quarta, docente di Filosofia contemporanea nell’ateneo salentino. Il libro nasce come manuale di studio, con fini metodologico- didattici quindi, per gli studenti che intendano intraprendere attività affini alla comunicazione e all’informazione, ma fornisce altresì stimolanti spunti di approfondimento anche per i “non addetti ai lavori”, con riferimenti a tematiche attuali e di pubblico interesse, incentrandosi sul rapporto tra il diritto di sapere tramite una corretta informazione e il rispetto della sfera intima e privata. “Un’etica è necessaria ma allo stesso tempo impossibile. -Ha precisato, prendendo la parola Paolo Pellegrino- In questo libro ho rivisitato alcune idee chiave di etica, senza l’illusione di giungere a conclusioni esaustive e definitive. I fatti del periodo luglio- agosto 2009, escort, pseudo tali, lo scandalo Marrazzo, hanno segnato gli organi d’informazione, ci si è resi conto dell’ampia libertà d’informazione a dispetto della privacy che spesso non è stata tutelata”. Nutrito il dibattito che ne è scaturito, il tema, forse anche per i forti riferimenti all’attualità, è stato sentito e commentato attivamente dai partecipanti. A concludere la serata, proprio l’autore del libro, Paolo Pellegrino, che ha precisato: “L’informazione, quella vera, deve ricercare la verità. Non può coltivare altri interessi”. Gli appuntamenti con la cultura non si concludono qui, continuano. A breve le date dei prossimi incontri organizzati dal comitato cittadino Dante Alighieri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!