La Puglia tutela la filiera del libro

Bari. Sarà discusso in consiglio oggi il sostegno alla filiera del libro, un atto di tutela per scrittori, editori ed imprenditori della cultura

Bari. “Dopo più di un anno di lavoro sarà discussa, nella seduta del Consiglio regionale di oggi, la proposta di legge “Iniziative e interventi regionali a sostegno della lettura e della filiera del libro in Puglia” redatta e firmata dal sottoscritto e dal consigliere del Partito democratico Sergio Blasi”. Lo afferma, con orgoglio, il consigliere regionale del gruppo SEL, Michele Ventricelli. “Questo – spiega Ventricelli – è un progetto che abbiamo portato avanti con il sostegno e la collaborazione di editori, scrittori, imprenditori e attori del panorama culturale pugliese. Ci sembrava doveroso ascoltare le voci dei soggetti impegnati quotidianamente nella promozione della lettura e degli spazi e contesti dedicati ad essa, per giovani e meno giovani. La legge si compone di 7 articoli esplicativi su obiettivi di metodo, soggetti coinvolti e azioni in capo all’ente pubblico a sostegno dei lettori e dei processi di lettura. Saranno tutelati i soggetti socialmente deboli rispetto all’accesso ai luoghi e agli strumenti del processo culturale. Tutte le azioni saranno stabilite e supportate da una Consulta del libro composta da rappresentanti della Regione e rappresentanti delle singole associazioni delle categorie interessate nel processo di filiera del libro e della lettura. Tutti i componenti della consulta opereranno a titolo gratuito”. “Mi auguro – conclude Ventricelli – che il Consiglio regionale discuta e approvi speditamente questa proposta di legge, dimostrando ancora una volta una particolare sensibilità rispetto allo sviluppo culturale del nostro territorio”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!