Il basket italiano parla brindisino

Brindisi. I mitici biancoazzurri della New Basket, eredi della Bartolini e, prima ancora, della Libertas, sono primi nel campionato di serie A

ph: Giovanni Evangelista Sesta vittoria consecutiva per l'Enel Brindisi (su sette in totale a fronte di una sola sconfitta) e primato in classifica solitario che esce ulteriormente rafforzato. Brindisi mostra a tutti gli appassionati di pallacanestro che quest'anno si fa sul serio. La squadra di Piero Bucchi difende con ordine, gestisce il possesso palla con una fitta rete di passaggi e si dimostra precisa al tiro. Una ricetta semplice che si trasforma in punti sul tabellone. Il PalaPentassuglia ha regalato ai tifosi brindisini, tradizionalmente grandissimi appassionati di pallacanestro, una nuova vittoria per 75-74 contro una pretendente al play off: l'Acqua Vitasnella Cantù. Gara combattutissima fino ai secondi finali, con i tiri liberi di Ron Lewis e il tiro da tre di Pietro Aradori, che nonostante la mira infallibile e i 28 punti che gli valgono il titolo di miglior giocatore dell match, non riesce a salvare Cantù dalla seconda sconfitta nelle ultime tre partite. Per il Brindisi, da segnalare le eccellenti prestazioni di Lewis (18 punti), Dyson (16 punti) ed James (13 punti), ma anche la grinta ed esperienza di Massimo Bulleri. Cantù resta dunque a quota 10, così come la Granarolo Bologna, sconfitta nettamente da Reggio Emilia. E il prossimo 7 dicembre si gioca proprio Bologna-Brindisi, con l'allenatore bolognese Bucchi che arriva incredibilmente nel palazzetto della sua città, tempio del basket italiano, da capoclassifica. Poi l'Enel avrà una gara casalinga sulla carta più facile (contro Pistoia il 14 dicembre). Un inizio di stagione esaltante, quello della New Basket Brindisi, che crea grandi speranze per l'intero movimento cestistico pugliese.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!