50 milioni di euro per la tratta Bologna Lecce

Bari. Il presidente Introna conferma il finanziamento di 50 milioni di euro per la tratta ferroviaria Bologna – Lecce.

Bari. 50 milioni di euro nel 2014 per interventi sulla dorsale ferroviaria Bologna-Lecce: “meglio di niente, certamente, ma quello che la Puglia si attende è più di un segnale di attenzione”. È il commento del presidente del Consiglio regione, Onofrio Introna, allo stanziamento contenuto nel disegno di legge di stabilità, d’iniziativa del Governo, approvato dal Senato il 27 novembre. “La buona volontà è apprezzabile, ma è evidente che non basta, vista l’esiguità dei fondi”. Oltre ai 50 milioni di euro, 150 milioni per esercizio, nel 2015 e nel 2016, per “l’avvio immediato di interventi di adeguamento del tracciato e velocizza­ne dell’asse ferroviario adriatico”, come si legge nel testo normativo, che prevede anche l’autorizzazione a “contrattualizzare gli interventi nelle more dell’approvazione del contratto di programma-parte investimenti 2012-2016, sottoscritto con RFI”. È il caso di fare notare, aggiunge Introna, che “anche per eliminare la strozzatura del binario singolo da Lesina a Termoli, servono significativi e più cospicui interventi”. Continua, intanto, l’impegno del Consiglio regionale su questo obiettivo strategico. “Gli striscioni affissi alla facciata della sede consiliare di via Capruzzi, a Bari, davanti ai binari della stazione centrale, rilanciano al Governo nazionale l’appello della Gazzetta del Mezzogiorno: ‘Vogliamo anche al Sud treni più veloci’ e linee ferroviarie capaci di assecondare la nostra vocazione allo sviluppo”. Sulla battaglia per i treni, il Consiglio si pronuncerà nella sua interezza nella prossima seduta del 5 dicembre. “Con l’Ufficio di Presidenza – conclude il presidente – proporrò all’Aula di approvare un ordine del giorno unitario a sostegno di un’infrastruttura di straordinario valore per la Puglia e per il Centro Sud”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!