Mediazione civile, presentata la riforma

Lecce. La riforma della obbligatorietà della mediazione civile e commerciale, presentata presso la camera di commercio

Lecce. Conferenza stampa di presentazione dell’istituto della mediazione obbligatoria, presso la camera di commercio di Lecce. Valido strumento per dirimere la maggior parte delle contese che riguardano il quotidiano di cittadini e imprese. Ad aprire i lavori, in videoconferenza da Roma, è stata Tiziana Pompei, vicesegretario di Unioncamere. “Gli strumenti che aiutano a fare giustizia – dichiara Pompei – per di più in tempi rapidi e a basso costo sono ben accetti. Per l’anno in corso, il risparmio effettivo derivato dal ricorso alla mediazione obbligatoria è stato di 420mila euro, di cui 100mila in arrivo dalle mediazioni delle Camere di Commercio”. Sul tema ha poi relazionato Annamaria Leucci, responsabile dell’organismo di mediazione della CCIAA di Lecce. “Con la mediazione – spiega Leucci – è possibile risolvere una lite tra due imprese o tra un’impresa e un consumatore con l’aiuto del mediatore, una figura super partes che ha il compito di facilitare il dialogo e condurre il contenzioso a una soluzione amichevole, soddisfacente e condivisa”. Ha concluso i lavori odierni, il presidente della CCIAA di Lecce, Alfredo Prete. “Le Camere di Commercio, in virtù della loro posizione di super partes – sottolinea Prete – sono inserite attivamente, all’interno del circuito della giustizia alternativa, e in modo particolare nell’esercizio delle procedure di risoluzione delle controversie che possono insorgere sia tra imprese che tra imprese e consumatori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!