Specchia, pusher arrestati

Specchia. Utilizzavano un’applicazione per smartphone per confezionare la droga, arrestati due puscher

Specchia. I militari della Stazione carabinieri di Specchia e il Nor di Tricase hanno tratto in arresto nella flagranza del reato due giovani “pusher” specchiesi. I due sono caduti nella rete dei fitti controlli anti droga disposti ambito area del capo; si tratta di Pietro Panzarella, 21enne, residente Specchia, celibe, disoccupato, e Davide Indino 25enne, residente a Specchia (le), celibe, disoccupato, entrambi noti ai carabinieri per violazioni amministrative e penali in materia di stupefacenti. I carabinieri infatti mentre perlustravano le campagne spesso frequentate da giovani che cercano rifugio da occhi indiscreti per consumare la “dose quotidiana”, si sono imbattuti in un casolare abbandonato con la porta spalancata; nell’avvicinarsi i militari dell’arma hanno dapprima sentito un trambusto all’interno poi un forte odore di marijuana. Una volta entrati, i carabinieri hanno trovato i due giovani intenti a confezionare lo stupefacente; alla vista dei carabinieri i due hanno cercato dapprima di celare parte dello stupefacente sotto un mobiletto, poi si sono resi conto che erano in trappola ed hanno desistito dal mettersi in fuga. Era ormai inutile fuggire perchè sul tavolo i militari avevano già trovato a mo di bancarella da esposizione 10 dosi di marijuana già confezionate, due bilancini di precisione, materiale atto per il taglio e il confezionamento dello stupefacente, nonché 100 euro in banconote da 5 – 10 e 20 euro. Le perquisizioni domiciliari presso le abitazioni dei ragazzi hanno permesso di rinvenire altri 3 grammi di marijuana nonché uno smartphone con un bilancino di precisione quale applicazione. In considerazione del quantitativo rinvenuto i due giovani sono stati tratti in arresto e i militari dell’arma ne davano immediata comunicazione al sost. Proc. Dott. Arnesano di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce. Esperite le formalità di rito i due sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!