Aggredito in pieno centro a Nardò

Hanno schiacciato le sue arance per terra e lo hanno aggredito fratturandogli tibia e perone. Denunciati due pregiudicati di Nardò

di Mauro Longo Un brutto episodio di violenza si è verificato nei giorni scorsi a Nardò, dove un 30enne del posto è stato violentemente picchiato da due pregiudicati, rispettivamente di 32 e 41 anni, residenti anch’essi nella cittadina salentina. L’episodio risale a domenica scorsa, anche se soltanto ieri se ne è venuti a conoscenza, quando gli agenti della Volante sono intervenuti presso il pronto soccorso dell’ospedale San Giuseppe Sambiasi di Nardò, chiamati da un 30enne del posto che ha dichiarato di essere stato aggredito, due ore prima, in pieno centro storico, all’uscita di un esercizio commerciale. A quanto pare l’uomo si sarebbe accorto che due individui avevano sparso per terra le arance che aveva appese, in due buste di plastica, al manubrio del suo ciclomotore e le avevano schiacciate per terra. Alle sue proteste, l’uomo sarebbe stato spintonato e preso violentemente a calci dai due. Trasportato al pronto soccorso i sanitari gli hanno riscontrato una frattura della tibia spiroide destra e la frattura del perone destro con una prognosi di 30 giorni. La successive indagini hanno permesso di individuare i colpevoli che lunedì sono stati rintracciati dagli agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato e fotosegnalati, mentre nella mattinata di ieri sono stati denunciati all’autorità giudiziaria e segnalati al Questore di Lecce per l’irrogazione di adeguata misura di prevenzione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!