Maltempo, Congedo ‘valutiamo lo stato di calamità’

Lecce. Dopo l’ondata di maltempo, alcuni esponenti politici propongono di attuare l’iter per lo stato di calamità

Lecce. All’indomani del passaggio del ciclone Cleopatra il Salento conta i danni. A Gallipoli i danni sono ingenti, due scuole danneggiate, diversi muri hanno ceduto finendo sulle auto parcheggiate. “Credo che dopo questa terribile offensiva del maltempo sulla provincia di Lecce ci siano tutte le condizioni perché la Regione valuti seriamente l’opportunità di avviare l’iter per la richiesta, presso il Governo nazionale, dello stato di calamità naturale”. Il vice presidente vicario del gruppo Pdl in consiglio regionale Erio Congedo interviene dopo la giornata campale di ieri. “In ogni caso – aggiunge – mi auguro che la Regione voglia intervenire direttamente a sostegno della popolazione salentina, severamente colpita dal nubifragio odierno e soprattutto dalle devastazioni provocate dalla tromba d’aria. Soprattutto a Gallipoli, proprio a causa del passaggio della tromba d’aria, ci sono danni molto ingenti e anche qualche ferito, per fortuna in modo lieve. E’ stata una giornata molto dura – conclude – che ancora una volta ha visto in prima linea le forze dell’ordine, la protezione civile, la Croce Rossa e i volontari, protagonisti tutti di un’attività encomiabile”. Il sindaco di Galatone Livio Nisi, uno dei paesi più colpiti, in una nota chiarisce che “Senza le opere di mitigazione idraulica di recente realizzazione – spiega – il bollettino dei danni sarebbe stato sicuramente più drammatico. In particolare la tromba d’aria si è abbattuta sul Cimitero Comunale devastandolo e provocando la caduta di una ventina di alberi secolari di alto fusto. Violentemente colpite risultano le contrade Carpignana, Spisari e Abbazia che gravitano lungo la direttrice Galatone – S.Maria al Bagno dove si sono registrati danni smisurati. Il vortice non ha risparmiato neanche gli alberi della piazza mercato intitolata a San Pio da Pietralcina dove si contano una decina d’alberi abbattuti. Innumerevoli i segnali ed i cartelli stradali divelti e gli oggetti scagliati a distanza”. Il Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone in mattinata ha effettuato un sopralluogo a Gallipoli, partendo dal Liceo “Quinto Ennio”, colpito in maniera devastante dalla tromba marina che si è verificata 24 ore addietro. In una nota fa sapere che la Provincia di Lecce è intervenuta immediatamente e con fondi d’urgenza sulla realtà gallipolina, per mettere in sicurezza e garantire l’utilizzo delle strutture provinciali, scuole superiori e strade soprattutto. Il Presidente ha constatato sul posto l'avvio in tempo reale dei lavori, con una ditta incaricata d’urgenza, lavori che stanno proseguendo già dall’alba di oggi e proseguiranno sino alla riapertura in tempi rapidissimi dell’edificio scolastico, che VENERDI’ potrà tornare aperto agli studenti. Sul piano istituzionale la Provincia si è attivata affinché si possa giungere al riconoscimento dello STATO DI CALAMITA’ per i territori colpiti dagli eventi meteorologici di ieri, in maniera che fondi specifici possano arrivare da Regione e Governo centrale per ripristinare lo stato dei luoghi complessivo e sostenere le decine di aziende agricole e non solo in ginocchio dopo l’ultima devastante ondata di maltempo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati