Archeologia, Paul Arthur è il nuovo direttore

Lecce. Paul Arthur è il nuovo direttore della scuola della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici “Dinu Adamesteanu” dell’Università del Salento

Lecce. Il professor Paul Arthur, ordinario di Archeologia medievale, è il nuovo Direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici “Dinu Adamesteanu” dell’Università del Salento. Eletto ad amplissima maggioranza dal Consiglio della stessa Scuola nella seduta di ieri, resterà in carica per tre anni. Studioso noto a livello internazionale, il professor Arthur è un archeologo molto impegnato sul territorio. Conduce attualmente importanti ricerche all’interno del castello Carlo V di Lecce e nel Salento, dove ha curato anche la progettazione del “Museo del Borgo” di Muro Leccese e il “Museo del Bosco” di Supersano. Negli anni ha condotto ricerche in Francia, Inghilterra, Israele, Libia, Turchia, Ucraina. Fra gli oltre 30 scavi archeologici da lui diretti quelli di Fulham (Londra), Pompei, Napoli, Matera, Chersonesos (Ucraina), Hierapolis (Turchia), dove si è occupato delle fasi post-classiche per la Missione Archeologica Italiana. Paul Arthur succede a Francesco D’Andria, da poco in pensione, sotto la cui lunga direzione la Scuola ha raggiunto i livelli di eccellenza oggi riconosciuti a livello nazionale e internazionale. In questi anni la Scuola di Lecce si è distinta per il suo alto profilo scientifico e didattico, grazie alla qualità dei suoi docenti e all’apporto continuo di studiosi di fama che si sono avvicendati tenendo conferenze e partecipando a numerosi incontri scientifici. Questo ha costituito un forte elemento di attrazione per tanti studenti, provenienti da tutta Italia e dall’estero, che nel loro percorso di studio hanno potuto frequentare i numerosi cantieri di scavo e i laboratori attivati presso il Dipartimento di Beni Culturali, nonché il Centro CEDAD di datazione al radiocarbonio attivo presso la Cittadella della Ricerca di Brindisi. Molti ex allievi della Scuola ricoprono oggi importanti incarichi in Soprintendenze, Università ed enti di ricerca.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!