Federlegno e Regione, accordo per il rilancio

Bari. Firmato l’accordo tra federlegno e regione con l’obbiettivo di rilanciare il settore e aumentarne la competitività.

Bari. FederlegnoArredo e Regione Puglia hanno siglato un Accordo Quadro che ha come obiettivo fondamentale quello di promuovere la riqualificazione del “distretto del mobile imbottito” pugliese, attualmente in crisi. Con l’Accordo firmato l'11 novembre 2013, la Regione Puglia punta a valorizzare e riconvertire le produzioni locali, aumentare la competitività, stabilizzare e incrementare l’occupazione, promuovere l’innovazione e l’internazionalizzazione del proprio sistema produttivo. “Fedelegnoarredo – ha evidenziato il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola – fa un accordo per accompagnare noi e le nostre strutture nei processi di internalizzazione e per aiutare il sistema di impresa italiano e internazionale a scegliere l’area murgiana, l’area pugliese, come territorio in cui è conveniente investire per far vivere l’economia dell’arredo”. “L’accordo con Regione Puglia – ha sottolineato il Presidente di FederlegnoArredo, Roberto Snaidero – è nato in occasione del Forum del legno-arredo di giugno e rientra nella missione della Federazione di incontrare le aziende e sostenere il loro desiderio di fare impresa. Una modalità nuova di operare a livello territoriale che ha incontrato la fiducia e l’appoggio delle autorità locali”. Con il Presidente Roberto Snaidero e il presidente Nichi Vendola erano presenti l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Loredana Capone, il direttore generale di FederlegnoArredo, Giovanni De Ponti e il direttore della società in house della Regione Puglia, Puglia Sviluppo Spa, Antonio De Vito. “Regione e FederlegnoArredo – ha commentato l’assessore Capone – daranno anche battaglia alla contraffazione al fine di tutelare sempre più il Made in Italy; il lavoro più duro da compiere è combattere la resistenza alla conservazione, perché la crisi non è un alibi ma un incentivo all’innovazione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!