Stella Michelin, a mani vuote Lecce e Foggia

Bari. A notare la mancanza l’esponente del Pdl Erio Congedo, il quale spinge i ristoratori salentini ‘a fare qualcosina in più’ per migliorare

Bari. Sono 8 i ristoranti pugliesi a cui è stata assegnata la stella Michelin, nessuno però a Foggia e Lecce. A notarlo il vice presidente vicario del gruppo Pdl in regione Erio Congedo. “Il risultato complessivo della Puglia – commenta l’esponente del centrodestra regionale – è straordinario, quasi unico nel panorama nazionale. Ben 8 ristoranti pugliesi si sono guadagnati la stella nella guida 2014 e sono addirittura 3 in più rispetto all’anno scorso. Complimenti ai titolari di questi locali a Conversano, Andria, Monopoli, Alberobello, Bari, Carovigno, Ceglie e Ostuni, alfieri della buona tavola pugliese nel mondo. Certo, è impossibile non notare l’assenza di locali della provincia di Lecce in questo prestigioso elenco, un’assenza che spicca per un’area trainante dal punto di vista della qualità, dell’accoglienza, del turismo e anche della gastronomia. Sono certo che questa lacuna sarà colmata e che i ristoratori leccesi coglieranno nella guida lo stimolo a fare qualcosina in più, a guadagnare quei margini di miglioramento che indubbiamente hanno e a tagliare il traguardo della eccellenza certificata. Sicuramente – puntualizza Congedo – la prossima edizione della guida sarà quella del riscatto della provincia di Lecce, che così potrà aggiungere questo agli altri riconoscimenti di eccellenza di cui può già fregiarsi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!