Marcegaglia via da Taranto

Taranto. Il gruppo ha annunciato la chiusura dello stabilimento tarantino, in fumo altri 140 posti di lavoro

Taranto. I sindacati parlano di una mazzata. Un massacro senza fine, Taranto Subisce la perdita di altri 140 posti di lavoro, il gruppo Marcegaglia se ne va. Dopo la crisi dell'Iva, dopo lo stop del gruppo Vestas chiude i battenti anche il Marcegaglia Buildtech. La comunicazione è stata fatta ai sindacati di categoria e alle Rsu di Fim, Fiom e Uilm dell’impianto pugliese. In un nota congiunta, i sindacalisti hanno parlato di “un territorio già martoriato da una crisi senza precedenti, che continua a mietere perdite di posti di lavoro”. La fabbrica aveva dismesso due anni fa la produzione di caldaie industriali per riconvertirsi al fotovoltaico con la produzione in proprio di lamine flessibili a film sottile, in silicio amorfo. La sospensione dell’attività produttiva dello stabilimento tarantino è stata proclamata per il prossimo 18 novembre, alla scadenza della cassa integrazione ordinaria in corso. Per i sindacati metalmeccanici “anche questa volta Taranto subisce la perdita di 140 posti di lavoro a causa di una decisione aziendale disinteressata al nostro territorio: lasciano Taranto per una riorganizzazione del Gruppo Marcegaglia, scippando nuovamente a questa citta' posti di lavoro e opportunita' di sviluppo non inquinante. Dopo l'eolico – dicono i sindacati riferendosi alla crisi Vestas azienda che ha annunciato 127 licenziamenti – a pochi giorni di distanza, anche il fotovoltaico abbandona Taranto, una citta' gia' compromessa dai problemi ambientali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!