Al via la consultazione pubblica su Tap

Bari. Prenderà il via domani la consultazione su Tap da parte del consiglio regionale, presente anche il sindaco di Melendugno Potì

Bari. In regione si comincia a discutere di Tap. Il presidente del consiglio regionale Introna lo ha reso noto in una nota: “Le soluzioni vanno adottate nel rispetto del territorio, per questo ho fissato a Bari domani, mercoledì 30 ottobre alle 11, nella Sala Guaccero, un incontro sul progetto di gasdotto transfrontaliero, Trans Adriatic Pipeline, dalla costa albanese alla salentina, con approdo alle marine di Melendugno”. Saranno presenti i presidenti dei gruppi consiliari, i componenti dell’Ufficio di Presidenza, l’assessore regionale Guglielmo Minervini, il presidente ANCI Puglia Luigi Perrone e il sindaco di Melendugno Marco Potì. L’incontro è stato voluto per rendere partecipe la cittadinanza sulle decisioni importanti, un coinvolgimento da parte di tutti. Alla scelta della consultazione pubblica è arrivato anche il plauso del sottosegretario De Vincenti presente a Bari nei giorni scorsi proprio per la vicenda Tap. «Come governo – ha spiegato il sottosegretario De Vincenti – apprezziamo moltissimo la scelta della Regione Puglia di attivare una procedura di consultazione pubblica. La proposta della giunta regionale presentata da Vendola secondo noi è un passo avanti e deve essere esempio per tutto il Paese. È il modo giusto con cui si possano fare cose importanti e strategiche nel nostro Paese, passando dal confronto con le popolazioni. Partiamo da una scelta di Tap e arriveremo ad una scelta che sia la migliore dal punto di vista dell'ambiente e delle popolazioni interessate. La strategia non è di smantellare le barricate ma di ragionare con tutti i cittadini perché siamo favorevoli a trovare soluzioni».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!