D’Agata, il comune non risponde ai cittadini. Intervenga la Prefetta

Lecce. Lo sportello dei diritti denuncia che, dopo numerose segnalazioni, il comune non risponde alle istanze dei cittadini e chiede l’intervento della prefetta

Lecce. Secondo alcune segnalazioni allo sportello dei diritti il comune di Lecce non risponde alle esigenze dei cittadini legittime o illegittime che siano. “Alcuni casi riguarderebbero l’Ufficio Tributi – fanno sapere dallo sportello – certamente uno tra i settori cui i cittadini rivolgono maggiormente le proprie richieste, ma dove purtroppo si assisterebbe ad una scarsa sensibilità nei confronti della cittadinanza dove forse sarebbe maggiormente richiesta, in un momento nel quale tasse e imposte sono uno dei motivi di principale scontro tra cittadino, Stato ed enti. Equitalia docet”. Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è un comportamento che la dice lunga sull’attuale situazione dell’amministrazione del capoluogo salentino ed una tendenza che affonda le radici dietro la difficile e onerosa possibilità di proporre ricorsi giurisdizionali ai silenzi o ai rifiuti delle pubbliche amministrazioni che si fanno forti, coi deboli, e si arroccano dietro queste difficoltà e alle farraginosità della macchina burocratica. Proprio per questo motivo D’Agata ha chiesto l’intervento del Prefetto soprattutto per alcuni casi sottoposti all’attenzione dell’associazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!