Ad Andria il tennis che conta

Andria. Dal 16 al 24 novembre la città di Federico ospiterà il tennis mondiale in quella che è l'ultima data di gare in programma nel 2013

Andria. Dopo la presentazione adesso sono ufficiali. Gli Internazionali di Tennis “Città di Andria Castel del Monte” sono stati inseriti nel calendario degli appuntamenti del circuito Challenger tour Atp. Dal 16 al 24 novembre la città di Federico ospiterà il tennis mondiale in quella che è l'ultima data di gare in programma nel 2013. Il torneo indoor è una vera chicca anche per il tennis italiano, visto che ci sono solo altre due competizione al coperto come Bergamo e Ortisei. L'evento di Andria è soprattutto la tappa Atp più importante di fine anno grazie anche al montepremi di 30mila euro (gli altri due appuntamenti in contemporanea sono Tokio e Tyuren con 26mila euro). Per molti tennisti di tutto il mondo, quindi, Andria diventa l'ultima chance per conquistare punti utili per l’accesso agli Australian Open, il primo dei quattro tornei del Grande Slam. La manifestazione organizzata dall'associazione Pro Tennis con la collaborazione di Wave e Artsmedia si avvale del patrocinio del Comune di Andria. La macchina organizzativa è già partita. Il direttore tecnico del torneo, Enzo Ormas, sta sondando il terreno per allestire il miglior tabellone di gare. A dare ulteriore prestigio agli internazionali sarà Carmelo Di Dio, uno tra i migliori supervisor Atp del mondo. Due sono i campi di gara: oltre al “principale” allestito appositamente nel Palasport di viale Germania ci sarà quello nel polivalente di via Delle Querce. Il campo di allenamento, invece, è stato individuato nel polivalente di via La Specchia. “C'è fermento e cresce l'attesa – dice il direttore tecnico Enzo Ormas -. L'evento di Andria è un'ottima vetrina non solo per la città ma per l'intero territorio pugliese e nazionale. Il torneo indoor è una novità assoluta per l'intera regione e per il Sud Italia. Per questo motivo si sta concentrando tutta l'attenzione di appassionati e curiosi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!