La ricetta dei renziani per il Salento

Lecce. Rinnovamento e territorio, queste le proposte di Tundo,Maniglio e Foresio alla vigilia del congresso provinciale

Lecce. Cultura del rinnovamento e radicamento sul territorio. Questa la ricetta di alcuni componenti del Pd salentino, tra i quali Antonio Maniglio, Roberto Tundo e Paolo Foresio. Alla vigilia del congresso provinciale avanzano alcune proposte per il territorio, “al PD della provincia di Lecce,ribadiscono i renziani, serve un patto generazionale che, anche al di là anche delle diverse opzioni congressuali, promuova un nuovo gruppo dirigente che è già attivo nei circoli, nei movimenti, nelle amministrazioni comunali. Non serve un congresso tra pochi intimi. Il PD, e non solo in provincia di Lecce, è ormai un partito liquido, con pochi tesserati, con molti circoli che hanno chiuso, con moltissimi dove non si registra alcuna attività. Per questo chiediamo ai giovani del PD di sostenere la proposta di primarie aperte anche per l’elezione del segretario provinciale. Sarebbe un’opportunità per coniugare innovazione, trasparenza, credibilità della politica: daremmo più forza all’idea di un partito aperto, che cerca di andare oltre i recinti tradizionali, non inquinato dai pacchetti di tessere”. “Anche nella scelta della candidatura da proporre a segretario provinciale,concludono, intendiamo praticare una strada alternativa a quella delle sponsorizzazioni più o meno autorevoli e delle candidature calate dall’alto. Si decide, pertanto, di ascoltare l’opinione di quanti condividono la proposta politica di Matteo Renzi; l’ipotesi che emergerà da questa larga consultazione sarà sottoposta alla discussione e alla votazione di una prossima assemblea del movimento. I criteri condivisi sono quelli di una candidatura di rinnovamento, che non abbia avuto alcuna responsabilità con le gestioni precedenti, che sia in grado di interloquire anche con forze e movimenti esterni al PD”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!