Il match della vita

Copertino. Il pugile copertinese Emanuele Leo sarà a Londra sabato per combattere nella O2 Arena, un match che può valere una carriera

Copertino. Emanuele Leo, pugile professionista della OPI 2000, sabato salirà sul ring dell'O2 Arena di Londra. Un appuntamento importante per il 32enne copertinese Peso Massimo Emanuele “Big” Leo. Nei giorni scorsi, difatti, è giunta nel Salento una telefonata da parte del manager Salvatore Cherchi (OPI 2000 di Milano) il quale ha comunicato a Leo e al suo allenatore Stifani, la possibilità della sfida contro il britannico Anthony Joshua, al suo esordio nei professionisti e noto soprattutto per aver battuto durante la discussa finale di Londra 2012, l'azzurro Roberto Cammarelle. L'annuncio ufficiale per Leo, è ovviamente giunto da Londra da parte di Eddy Hearn, proprietario della potente organizzazione inglese Matchroom Promotion. Sarà quindi l'imbattuto Peso Massimo pugliese Leo (9 vittorie impreziosite da 3 ko), peraltro reduce dal successo ai punti di domenica 22 settembre scorso (a Copertino) sull'ungherese Sandor Balogh, ad affrontare il prossimo 5 ottobre alla O2 Arena di Londra, l'inglese Joshua. “Non capita spesso di poter far parte di una serata internazionale dall'elevato spessore tecnico e con il pubblico delle grandi occasioni – commenta Leo – In questi pochi giorni ho cercato di raccogliere le migliori energie e di puntare ad una maggiore esplosività e potenza dei colpi. Ho voluto accettare questa delicata sfida senza alcuna remora. Con il mio maestro Stifani, ci siamo guardati negli occhi e senza dirci troppe parole, abbiamo condiviso questa sfida, consci della delicatezza della prova, anche in previsione di ciò che potrebbe scaturire per il futuro. Come i veri pugili, ciò che conta è salire sul quadrato e gettare il cuore oltre l'ostacolo: il resto lo deciderà solo, la forza, la fortuna e quel destino scritto in un libro intitolato “Pugilato”. Di certo io sono pronto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!