Crusi riconfermato presidente degli Architetti di Lecce

Lecce. Tra i primi impegni del neo presidente il Piano Paesaggistico Territoriale Regionale

Lecce. Massimo Crusi è stato riconfermato alla guida degli Architetti di Lecce. Il nuovo consiglio dell’ordine sarà costituito da: Massimo Crusi, presidente; Patrizia Lucia Scarlino e Antonello Sforza, vicepresidenti; Fabiana Cicirillo segretario, Flavio De Carlo, tesoriere. “Abbiamo dinanzi a noi un periodo di intenso lavoro”, dice Massimo Crusi, “per realizzare compiutamente il programma presentato in sede di elezioni, portare a termine quanto avviato già nei primi mesi del 2013, concretizzare l’impegno assunto di favorire in tutti i modi la partecipazione degli iscritti alle attività dell’Ordine e contribuire a fare dell’Ordine la “casa di tutti gli architetti”. Programma doppio per l’ordine professionale, visto che Lecce è anche la sede, pro-tempore e per due anni ancora, della Federazione regionale degli Ordini degli Architetti PPC di Puglia, che vede presidente lo stesso Crusi. Tra i lavori più importanti su cui l’ordine dovrà cimentarsi è senza dubbio quello del Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, proprio il lavoro di analisi sul PPTR vedrà impegnato il Consiglio, nell’attuazione di un calendario di incontri promossi sul territorio provinciale nelle aree individuate dai Gruppi territoriali. “Il PPTR”, sottolinea Massimo Crusi, “è uno strumento prezioso, che deve poter vedere la luce. Per questo è necessario tenerlo lontano da dispute di ordine più che ideologico direi teologico, quasi fosse qualcosa da accettare o rifiutare in blocco. Le polemiche innescate hanno prodotto una radicalizzazione su posizioni estreme, queste sì dannose per il Piano e per la natura disciplinare dello strumento. Non ci interessa una radicalità di questa natura, e direi che non è utile a nessuno, tantomeno a rafforzare gli assunti di partenza del Piano”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!