Il Negroamaro in una scultura

Si chiama “La forza del Negroamaro” la nuova scultura che sarà inaugurata oggi nella cantina “Feudi di Guagnano” in occasione dell’Educational Tour

Guagnano. Sarà inaugurata oggi “La forza del negroamaro” nella cantina “Feudi di Guagnano”. Si tratta di una installazione in acciaio, originale opera artistica che esalta metaforicamente la potenza della natura in grado di prevalere sulle opere dell'uomo. L’opera è stata realizzata dall’azienda Saponaro Srl di San Pietro Vernotico, da un'idea di Gianvito Rizzo amministratore della cantina guagnanese. Rappresenta una coclea, lo strumento impiegato durante la vendemmia utile per macinare l’uva. La scultura ripropone la forma a spirale del macchinario è stata realizzata con pezzi di metallo recuperati durante le fasi di lavorazione dell’ultima vendemmia è particolarmente evocativa. Inaugurazione inserita nella quattordicesima edizione dell’Educational Tour nelle Terre del Negroamaro, durante la quale proprio oggi, un gruppo di giornalisti di testate nazionali farà tappa presso la cantina “Feudi di Guagnano”. I rappresentanti di alcune delle più importanti testate giornalistiche e rubriche televisive del settore come TG2 Sì Viaggiare, TG2 Costume e Società, Bell’Italia, Repubblica Viaggi, Il Sole24Ore, Repubblica Speciale Guide, Il Mattino di Padova, Metropolis, Porto e diporto, Il Giorno, Studio 43 Milano, Qui Touring, Ambiente Europa.com, Vino e cibo.com, Nato con la valigia.com, potranno effettuare una full immersione nelle meraviglie del Salento. Sono previste, infatti, visite guidate nei vigneti di Guagnano e San Donaci, dove si vendemmia il Negroamaro per approdare poi alle incantevoli spiagge di Porto Cesareo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!