Gara deserta per la copertura assicurativa del comune di Lecce

Il comune si è visto costretto a prorogare il servizio alla Lupiae Spa fino al 31 dicembre

Lecce. Il comune di Lecce senza copertura assicurativa, la gara indetta è andata deserta. Nessuna compagnia, stando alla totale assenza di tutte, ha ritenuto opportuno prendersi l’onere di risarcire i cittadini da eventuali danni come buche, alberi caduti e cani randagi. Molto probabilmente si dovrà prorogare alla Lupiae Spa il servizio, la partecipata, infatti, in questo ultimo anno ha gestito le richieste di danni da parte dei cittadini fino ad un importo massimo di 10 mila euro nei confronti del comune. La Lupiae avrebbe chiesto, per poter portare avanti il servizio, 80 mila euro annui. Accordo che dovrà essere rimandato visto che l’assise comunale non ha ancora approvato il piano d’impresa della partecipata e di conseguenza non si possono variare gli accordi già esistenti. Per il momento il comune è corso ai ripari prorogando il servizio alla Lupiae fino al 31 dicembre, rimanere senza copertura significava un ulteriore esborso di denaro. L’azienda però dovrà farsi carico anche, in questi mesi, delle coperture oltre i 20 mila euro e sempre a lei spetterà il compito di sistemare quelle strade dissestate con più frequente rischio di danni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!