Lite al Bingo di Lecce. Arrestato un 19enne

Rissa, violenza, resistenza e minacce gravi a pubblico ufficiale i reati contestati al giovane

Ieri sera, intorno alle ore 20.30, a seguito di segnalazione presso la sala operativa della Polizia di Stato di Lecce, il personale della Sezione Volanti è intervenuto nella centralissima via Trinchese per una lite tra alcuni ragazzi nei pressi della sala Bingo. Giunti sul posto, gli agenti hanno trovato un gruppo di quattro ragazzi che urlavano, e in particolare, hanno notato la veemenza di uno dei giovani, successivamente identificato quale Francesco Rollo, 19enne, residente a Cavallino e di fatto domiciliato a Lecce. Considerata la sua particolare aggressività, Rollo è stato allontanato dal gruppo, ma cominciava a inveire contro i passanti, ma anche contro gli agenti cercando lo scontro fisico. Gli agenti hanno allora deciso di accompagnare Rollo in Questura dove è stato sottoposto a rilievi fotografici e visita da parte di personale medico appositamente giunto sul posto in ambulanza. I rilievi eseguiti hanno evidenziato vistosi ematomi ed escoriazioni alle mani e segni rossi sull’orecchio evidentemente causati dalla rissa a cui aveva preso parte. Considerato il persistente atteggiamento aggressivo e lo stato di agitazione, il personale di Polizia, sospettando che fosse sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, lo ha sottoposto a visita medica presso il locale Pronto Soccorso; a seguito degli esami di laboratorio Rollo è risultato positivo a diverse sostanze stupefacenti. Durante una perquisizione domiciliare presso la sua abitazione sono stati infatti rinvenuti e sequestrati 4.73 grammi di cocaina. Rollo, già noto alle Forze dell’Ordine per essere stato denunciato per i reati di porto abusivo di armi, falsa attestazione a pubblico ufficiale, oltraggio e violenza a pubblico ufficiale, è stato arrestato per rissa, violenza, resistenza e minacce gravi a pubblico ufficiale, nonché per detenzione di sostanze stupefacenti e tradotto presso la Casa Circondariale di Lecce per ordine del magistrato di turno. All’arrestato è stato assegnato l’avvocato d’ufficio, Marilù Carriero del foro di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!