Matrimonio alla cannabis

Un matrimonio alternativo quello celebrato a Torre Suda, tutto a base di canapa indiana

Torre Suda. Dall’antipasto al dolce, tutto a base di canapa indiana. Il singolare menù è stato servito in un ristorante a Torre Suda durante il matrimonio William Verardi e Lucia Spiri di Racale. Il particolare menù preparato dallo chef di San Donaci Daniele Giannuzzi e dallo staff di Canapa Lifestyle ha compreso la preparazione di tutte le portate, la canapa però è stata privata del suo principio attivo, quindi a era fuori legge. L’azienda produttrice ha sede in Lombardia ma il suo fondatore è salentino, Omar Vins, ha fatto questa scelta alternativa utilizzando la canapa come stile di vita, idea vincente anche per uscire dalla crisi. Inizialmente si era partiti da cosmesi e abbigliamento per poi passare al cibo, producendo cioccolata e caffè, ma anche pasta e birra per arrivare poi ad un menù completo come per il matrimonio di William e Lucia. Lei, da anni usa un farmaco a base di questa pianta per curare la sclerosi multipla e insieme al marito ha inaugurato il primo Cannabis social club per promuove questo tipo di terapia, non poteva dire di no al menù di Canapa Lifestyle per il suo matrimonio. Chissà se dopo la tendenza vegana la nuova tendenza sarà quella della canapa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!