Forza Italia per la lotta e Pdl per il governo? Roberto Tundo non ci sta

Un eventuale riposizionamento centrista per Forza Italia non trova d’accordo Roberto Tundo che dice: “Abbiamo già dato”

“Il PdL, che doveva riconoscere e promuovere la più ampia partecipazione popolare alla vita pubblica, sociale e nelle istituzioni, è rimasto ancorato alla formula del partito leggero con la solo eccezione dei congressi provinciali tenutisi nel mese di febbraio del 2012.” La dura nota di Roberto Tundo all’indomani dell’annuncio di Berlusconi e la rinascita di Forza Italia, rimarcando che: “Berlusconi raddoppia, due partiti. Pdl partito di governo e Forza Italia di lotta ?” “Il Coordinamento regionale, fa sapere Tundo, l'organismo che approva i programmi elettorali relativi al territorio e definisce gli indirizzi politici del gruppo del Popolo della Libertà in Consiglio regionale, non solo è ancora quello nominato all'atto della nascita del PdL, ma, quel che è peggio non si riunisce da più di un anno.” Più grave ,secondo Tundo, è la situazione nei Paesi dove prima c’erano i circoli di Alleanza Nazionale o Forza Italia a registrare quanto arrivava dal territorio, “adesso ci sono, quando ci sono, comitati che vivono il tempo della campagna elettorale” conclude. Il componente del ordinamento non ci sta ad un eventuale riposizionamento di Forza Italia Sempre più a centro e lo dice a chiare lettere: “Ma, se in quattro anni e mezzo non si è riusciti a strutturare il PdL c'era bisogno di questo tira e molla sul ritorno di Forza Italia? Il messaggio politico che Berlusconi vuole dare qual'è? Quello di un riposizionamento al “centro”? Da destra la risposta, alla nuova trovata berlusconiana, è netta: no grazie, abbiamo già dato!”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!