Anche un sorriso aiuta a guarire dal cancro

Le donne che debbono affrontare una malattia oncologica hanno bisogno di grande forza e coraggio. La cura dell'aspetto può aiutarle nel percorso di cura

Si chiama “la forza e il sorriso”, la versione italiana del progetto “Look Good… Feel Better” nato negli Stati Uniti nel 1989, è attiva in Italia dal 2006. L’iniziativa, che non interferisce con le cure mediche né intende in alcun modo sostituirsi ad esse, si traduce in un laboratorio di bellezza per donne in trattamento oncologico destinato a offrire informazioni, idee e consigli pratici per fronteggiare gli effetti secondari delle terapie. Nel 1987, un medico statunitense decide di “dare ascolto” alla reazione di abbandono e sfiducia che una sua paziente manifesta rispetto agli effetti collaterali dei trattamenti oncologici. Appellandosi al presidente del CTFA – associazione statunitense analoga a Cosmetica Italia – ottiene il supporto di un make-up artist che, spronando la donna alla cura e valorizzazione della sua persona, ne stimola nuova energia e forza per affrontare la malattia. L’evidente successo dell’esperimento ne decreta la diffusione come programma attivo in tutti gli Stati Uniti. Quale obiettivo si pone «Ritrovare il sorriso davanti allo specchio e dentro di sé». Questo, utilizzando le parole di Pierangelo Cattaneo, Presidente de La forza e il sorriso, lo scopo del progetto. A chi è rivolto A tutte le donne che, sottoposte a trattamenti oncologici, non vogliono rinunciare alla propria femminilità, riconquistando il proprio senso di benessere e autostima. Materiale informativo, i consigli del personale dell’ospedale o di un’amica sono i canali attraverso i quali le donne in cura vengono informate. Gli esperti a disposizione Consulenti di bellezza volontari, competenti e sensibili, sono a disposizione per svelare utili segreti di maquillage e insegnare ad ogni partecipante come valorizzare, in pochi mirati gesti, il proprio aspetto. Una psicoterapeuta presenzierà inoltre al laboratorio di bellezza per offrire supporto psicologico e sostegno alle donne in cura. Sinora hanno usufruito in Italia del programma “la forza e il sorriso” oltre 5.700 donne, mentre nel mondo, in quasi 40 paesi dal 1989 al 2009, le pazienti sono state 1.121.135. In un’atmosfera informale e rilassante, le partecipanti, 6/8 per ogni laboratorio, scoprono, durante circa due ore e mezza di seduta, come prendersi cura della propria pelle, come scegliere e applicare il make-up adeguato alle proprie caratteristiche e come valorizzare il proprio aspetto. Il corso è gratuito. Inoltre, un beauty bag ricco di prodotti omaggio verrà donato ad ogni donna per l’occasione per esercitarsi e mettere in pratica i consigli dei consulenti di bellezza durante l’incontro guidato, ma anche a casa, per continuare a prendersi cura di sé in modo autonomo. Dove Presso selezionate strutture ospedaliere e associazioni che aderiscono al progetto. Il progetto è stato presentato questa mattina nel padiglione 152 della Regione Puglia (Fiera del Levante), con gli interventi di: Elena Gentile Assessore Regionale Politiche Sociali e Sanitarie Vito Fabrizio Scattaglia, Direttore Generale ASL Taranto Maria Leone, Direttore Sanitario ASL Taranto Salvatore Pisconti, Direttore Dipartimento Oncoematologico Pierangelo Cattaneo, Presidente La forza e il sorriso – L.G.F.B. Italia Antonietta Scafato, Dirigente Struttura Semplice Dipartimentale Psicologia Ospedaliera ASL TA (ref. Progetto) Maria Monaco, Dirigente Psicologo Psicoterapeuta Psicologia Ospedaliera ASL TA

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!