Pivolio, alla ricerca dell'olio di qualità

Bari. Parte 'Pivolio' una vera e proprio carta d'identità per l'olio per contrastare frodi e contraffazioni.

Bari. È entrato nel vivo Pivolio, Processi innovativi per la valorizzazione dell’olio extravergine di oliva, il progetto finanziato dal ministero dell’Università e della ricerca nell’ambito del Programma operativo nazionale ricerca e competitività 2007-2013, utile a certificare la qualità dell’olio extravergine d’oliva con la creazione di una vera e propria carta d’identità in grado di contrastare frodi e contraffazioni. L'organizzazione, guidata dal consorzio Oliveti Terra di Bari, con Università degli Studi di Bari, Università del Salento, Cnr, Istituto di fisiologia clinica, di Lecce, Cra-Oli di Rende (Cosenza), Consorzio Carso e Apuliabiotech, coinvolge in questa prima fase circa trenta operatori, nelle province di Bari, Bat e Foggia. Gli addetti hanno selezionato, con l’ausilio di circa 400 imprenditori agricoli, le piante di cultivar (Ogliarola e Coratina per il territorio a Nord di Bari, Cima di Mola a Sud del capoluogo e Peranzana nella Capitanata) nelle aree individuate dislocate sul territorio e successivamente, suddivisi in gruppi di lavoro specifici, hanno prelevato campioni di terreno e foglie. Adesso si è passati alla raccolta delle olive dei singoli alberi, a cui segue contestualmente la molitura con micromolitore e una frangitura a freddo. Sarà creato un database che possa servire ai produttori per sostenere scientificamente il loro prodotto e ai consumatori per essere informati sulla provenienza e sulle proprietà dell’olio che stanno assumendo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!