Gdf contro gli illeciti in mare. Multe anche salate

Otranto. Numerose violazioni normative sono state individuate e sanzionate nelle scorse ore dai finanzieri del Reparto navale

OTRANTO – Stretta sulle infrazioni alle “regole del mare”. Sono state numerose le violazioni sanzionate nelle ultime ore dai finanzieri del Reparto Navale, anche con l’ausilio del guardacoste d’altura G.129 “Finanziere Sottile” del Nucleo di Manovra di Otranto, per un ammontare complessivo di oltre 10mila euro. Nei pressi del porto di Santa Maria di Leuca, sono stati cotrollati i conducenti di due imbarcazioni da diporto e il comandante di un motopeschereccio, poiché sorpresi a navigare senza avere a bordo i previsti documenti obbligatori. A Casalabate e Castro due pescatori sono stati sorpresi mentre esercitavano la pesca sportiva con attrezzi non consentiti. L’attrezzatura – quattro parangali di complessivi 2.300 ami – ed il pescato sono stati sequestrati; la multa per questo tipo di trasgressione può variare dai mille ai 3mila euro. A Frigole, un pescatore sportivo è stato sorpreso, durante la notte, ad esercitare la pesca con l’ausilio di apparecchiature di respirazione. Anche in questo caso, sequestrati attrezzatura e pescato; la sanzione amministrativa potrà variare dai mille ai 3mila euro. Rischia una multa ben più alta il pescatore sportivo sorpreso dai finanzieri in località Sant’Andrea a catturare ricci di mare nel periodo di fermo biologico. I ricci, ancora vivi, sono stati rigettati i mare. La multa, in questo caso, potrà variare dai 2mila ai 12mila euro. A Torre dell’Orso, il titolare di una ditta individuale che svolge l’attività di movimentazione terra è stato sanzionato per aver distribuito la sabbia sull’arenile in concessione ad un lido, in violazione all’ordinanza balneare 2013. L’ammontare della multa potrà variare da 1.032 euro a 3.098 euro. La stessa sanzione è stata comminata al concessionario del lido. Il responsabile di un villaggio in località Alimini è stato invece multato (da mille a 3mila euro) per inosservanza delle disposizioni sui beni pubblici.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!