Beach volley, la finalissima italiana a Pellegrino-Marzo

Lecce. Secondo posto per Mazzotta-Latorre, seguiti dalla coppia De Fabrizis-Martinez e, in quarta posizione, Ciavarella-Porcelli. Oggi la finalissima femminile

ph: Giovanni Evangelista LECCE – La coppia Davide Pellegrino (di Foggia) – Luca Marzo (di Salve) conquista la finale del Campionato italiano Master Under 20 maschile di beach volley “Salento d’amare cup”, che si è svolta a San Cataldo, presso il Lido York, sotto l’egida della Federazione italiana pallavolo (Fipav). Le due gare semifinali hanno visto affrontarsi e dare spettacolo Giorgio Mazzotta (di Squinzano) – Pietro Luca Latorre (di Torricella) contro Giacomo De Fabrizis-Javier Facundo Martinez (21-13, 21-12) e Davide Pellegrino-Luca Marzo contro Alessandro Ciavarella-Alessandro Porcielli (21-15, 19-21, 15-12). La finale per il terzo e quarto posto ha visto poi la coppia De Fabrizis-Martinez (romani entrambi) aggiudicarsi la vittoria al tie-break contro Ciavarella-Porcielli (21-23, 21-19, 16-14). La finalissima si è conclusa a favore di Pellegrino-Marzo che ha battuto senza troppe difficoltà la coppia Mazzotta-Latorre (21-14, 21-13). Contestualmente, al Lido York, ha preso il via anche il Campionato Italiano Master Under 20 femminile: in semifinale, anche la coppia formata dalla galatinese Camilla Guido (che ha vinto la B-2 con la Betitaly Maglie) e la tarantina Emi Leone. La finalissima si disputerà oggi intorno alle 18. Il campionato italiano di beach volley proseguirà a Lido York con le sfide del Master femminile il 5, 6 e 7 luglio per poi concludersi il 12, 13 e 14 luglio con il Master maschile. Il campionato italiano Master di beach volley è organizzato dalla Federazione italiana Pallavolo (Fipav). La tappa leccese è organizzata da Beach Talents Asd e Lido York, in collaborazione con Eventi Marketing & Communication e con il sostegno di Provincia (Assessorato Turismo e Marketing territoriale) e Comune di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!