Tagli alla pulizia delle scuole. Sit in davanti alla Prefettura

Lecce. A rischio il futuro di 925 lavoratori del settore. Oggi manifestazione a Lecce in vista della protesta nazionale a Roma

LECCE – Ore 9.30 davanti alla Prefettura. E’ l’appuntamento fissato da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, per manifestare contro i tagli in discussione a Roma nel settore della pulizia degli istituti scolastici. Nuovi tagli sono in vista ai servizi di pulizia e accessori negli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado. Sono contenuti tra le linee in discussione nella predisposizione del Decreto “del Fare” da parte del Governo nazionale. Negli ultimi anni questi fondi sono già stati fortemente ridotti, passando da oltre 550 milioni a 390 milioni di euro, e questo ha inciso in modo grave sul reddito di circa 21mila lavoratori ex Lsu e cosiddetti “appalti storici” oggi occupati, in Italia, in queste realtà. Se ne contano 925 solo in provincia di Lecce. Il reddito di queste persone, che oggi non supera gli 800 euro al mese, subendo gli ulteriori tagli previsti, farebbe scivolare le famiglie sotto la soglia di povertà. Ne conseguirebbe una ricaduta sociale gravissima sull’occupazione e sul reddito dei lavoratori addetti e si creerebbero danni importanti al funzionamento di molti istituti e al mantenimento dell’igiene e alla sicurezza di locali frequentati da alunni, docenti e personale scolastico. Durante l’incontro al Miur, lo scorso 19 giugno, inoltre, le aziende interessate hanno dichiarato l’avvio delle procedure di licenziamento collettivo per tutti i dipendenti dell’appalto pulizie. Decisione che nel Salento, già gravemente provato dalla crisi occupazionale ed economica, potrebbe determinare pesanti conseguenze per 925 famiglie. Alla manifestazione provinciale di oggi seguirà una grande manifestazione nazionale programmata per sabato 8 luglio alle ore 10 presso il Miur a Roma.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati