Emergenza sangue in estate, appello alla donazione

Lecce. La Asl tiene aperti tutti i centri trasfusionali ogni giorno in orario antimeridiano. Due aperture straordinarie al Fazzi fino alle 21

LECCE – Emergenza sangue nel Salento. L’estate porta alle latitudini salentini molti turisti. Che affollano le strade e purtroppo rendono più frequenti gli incidenti stradali. Il normale ritmo di donazione del sangue, quello che si segue durante il resto dell’anno, in estate si rivela insufficiente. Per questo motivo, nei mesi da giugno a settembre sarà possibile donare il sangue ogni giorno, nelle ore antimeridiane, presso tutte le strutture trasfusionali dell’Asl Lecce (Casarano, Copertino, Galatina, Lecce, Gallipoli e Tricase). Per i donatori volontari o periodici impossibilitati a recarsi di mattina nei centri prestabiliti, il Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (Simt) dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, diretto dal dottor Ferdinando Valentino, ha fissato due raccolte straordinarie, il 26 luglio e il 30 agosto prossimi. Organizzate in collaborazione con le associazioni di volontariato Avis, Fidas-Frates e Asdovos, queste raccolte si svolgeranno dalle ore 8.00 alle ore 21.00 presso la sede del Simt di Lecce. “Grazie ai numerosi appelli alla donazione – afferma Valentino – sono già tre estati che al ‘Fazzi’ c’è autosufficienza di sangue ed emocomponenti. Soltanto l’ospedale di Lecce, trattandosi di struttura medica complessa, ogni anno utilizza 15mila sacche di sangue, con una media di 50 al giorno”. Però è durante l’estate che la necessità di sangue aumenta. Da qui l’appello di Valentino ai donatori “ad essere presenti per tutto il periodo estivo da giugno a settembre presso le strutture trasfusionali dell’Azienda e garantire con il loro dono la disponibilità di emocomponenti salvavita, così preziosi anche in questo periodo dell’anno”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!