Lecce, via all’operazione ‘pulizia delle spiagge’

Lecce. Già partita la pulizia del litorale, oggi prenderà il via il servizio di disinfestazione nelle marine

LECCE – Spiagge pulite e sanificazione urbana. Sono queste le priorità immediate dell’assessorato alle Politiche Ambientali del Comune di Lecce per l’avvio della stagione estiva. E’ ripreso martedì, infatti, il servizio di pulizia degli arenili del litorale del comune di Lecce mentre è previsto per oggi l’avvio degli interventi di disinfestazione anti-larva e anti-alato, derattizzazione, deblattizzazione, antipulci e anti-zecche sia in città sia nelle marine. Saranno 55 interventi meccanizzati e sei interventi manuali quelli calendarizzati dal comune per le spiagge leccesi, riguarderanno Torre Chianca, Frigole, Spiaggia Bella e Torre Rinalda e si protrarranno con regolarità fino al 14 settembre prossimo. Nelle operazioni di martedì sono stati impegnati gli addetti delle ditte Icos e Bios il cui compito è stato quello di ripulire le spiagge da rifiuti di vario genere (in buona parte residui delle mareggiate degli ultimi mesi). “Vogliamo che la città, le nostre spiagge e le nostre marine si presentino salubri e pulite affinché i nostri concittadini ma anche i turisti e i visitatori possano trovare un litorale decoroso e attraente”, ha dichiarato l’assessore all’Ambiente Andrea Guido, lanciando un appello a non sporcare le spiagge e differenziare il più possibile i rifiuti ma, soprattutto, a “dare una mano all’Amministrazione comunale contribuendo con il proprio comportamento a non vanificare gli sforzi effettuati”. “Si tratta di fare attenzione ai piccoli gesti quotidiani – ha continuato – di non di trascurare piccole cose come la stecchetta di gelato o la cicca di sigaretta che, se insabbiate, ad esempio, con i loro tempi di biodegradabilità naturale, rimarranno nell’ambiente per moltissimi anni. Dobbiamo comprendere che questi piccoli comportamenti incivili, se moltiplicati per gli innumerevoli cittadini e turisti ‘distratti’, portano a considerevoli danni di carattere ecologico ambientale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!