Ecomafie in Puglia. Vendola: ‘Si modernizzi il Codice penale’

Bari. Il presidente della Regione evidenzia l’eccessiva leggerezza delle pene per i reati ambientali e la pericolosa assuefazione dei territori all’illecito

BARI – “Non si può immaginare che i reati ambientali vengano sanzionati con una multa come se si trattasse di reprimere delle marachelle o dei reati bagatellari. I reati ambientali sono i più gravi che si possano immaginare perché compromettono la qualità del territorio e ipotecano la salute dei cittadini nel presente e nel futuro. C’è bisogno che il legislatore attualizzi e modernizzi il codice penale alla luce di quello che stiamo imparando, anche perché le Procure da un lato, la società civile dall’altro e l’ambientalismo stanno guardando con lucidità ad un business che è rilevante”. Il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha commentato con queste parole l’ultimo rapporto “Ecomafiapresentato ieri a Bari da Legambiente. Lo studio ha evidenziato dati e caratteristiche di alcuni fenomeni di illegalità tra i quali l’abusivismo edilizio e il traffico illecito dei rifiuti e, soprattutto, un ruolo di primo piano della Puglia nell’ambito dello scenario nazionale. La nostra regione è infatti risultata al quarto posto su scala nazionale per reati ambientali. “Se le mafie scelgono i rifiuti – ha continuato Vendola – vuol dire che i rifiuti valgono quanto e più, talvolta, delle droghe. Se le mafie conquistano il territorio con l’arrembaggio del cemento illegale vuol dire che chiudendo gli occhi, connivendo, abituandoci agli abusi noi stiamo consentendo alle mafie di mettere radici nei nostro territori. Bisogna ribellarsi a questo”. Per Vendola mettere insieme i diversi attori della società nel fronteggiare i reati ambientali è molto importante. “Ognuno deve diventare sentinella del proprio territorio – ha spiegato il governatore – nessuno può pensare che basti semplicemente delegare. Occorre che ciascuno faccia la sua parte. Chi ha per compito istituzionale il dovere di costruire l’intelligenza del reato e del suo contesto ma anche chi vive la passione della difesa, della tutela della bellezza, della memoria, della natura. Ecco mettere insieme questi attori è l’unico modo per vincere questa battaglia”. Il presidente Vendola poi ha ricordato come la Regione Puglia, in netta controtendenza rispetto ai frequenti tentativi di riapertura dei termini del condono edilizio che ci sono stati e ci sono in Italia, si sia dotata da circa un anno di una legge in materia di prevenzione e repressione dell’abusivismo edilizio. “Una legge d’avanguardia – ha detto – consente alla Puglia ciò che nel resto d’Italia è solo una chimera. Abbattere gli immobili abusivi, lottare contro quel cemento selvaggio che divora la nostra costa, la nostra bellezza. Bisogna prendere esempio da questa legge e continuare su questa strada perché il presidio dell’ambiente è un dovere soprattutto per preservare la bellezza, la natura per le future generazioni”. “La realtà dell’abusivismo non è semplicemente quella degli interessi delle mafie tradizionali – ha aggiunto Vendola -; l’abusivismo è un fenomeno di massa. C’è una lunga consuetudine a considerare l’abuso quasi un fatto di floclore in Italia, del resto l’Italia è il paese delle sanatorie e dei condoni edilizi. Oggi il punto di stupro ambientale in Italia è talmente grave che non possiamo più consentire che ciò continui”. In materia di illeciti ambientali poi, Vendola ha ricordato l’accordo quadro con le Forze dell’Ordine e la convenzione, in vigore dal 2007, che viene rinnovata annualmente e che sostiene economicamente le attività istituzionali di controllo e monitoraggio del territorio regionale della Puglia di cui sono beneficiari, oltre al CNR e l'Arpa Puglia, la Guardia di Finanza, il Noe dei carabinieri ed il Corpo Forestale dello Stato. Fino ad oggi (il dato è aggiornato al 14 giugno 2013) l'attività di Polizia Giudiziaria dei beneficiari della convenzione ha portato al sequestro di 2.328 siti sui quali, a vario titolo, si ravvisava una violazione delle norme vigenti in materia ambientale. A questo proposito, Vendola ha sottolineato come “il numero degli interventi repressivi non sia indicativo della potenza del fenomeno criminale, ma della capacità reattiva della Regione, delle forze dell'ordine e della magistratura”. “Ci sono territori – ha concluso il presidente – dove ci possono essere meno sequestri, meno confische, meno denunce, perché c’è più assuefazione al fenomeno non perché il fenomeno sia minore. Occorre una mobilitazione generale perché il disastro ambientale è un contesto sociale, politico, culturale contro cui abbiamo il dovere, oltre che il diritto, di reagire con forza”. Articolo correlato: Ecomafia: Puglia quarta in Italia

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!