Marine, al via i servizi sanitari

Lecce. In funzione già da domani il 118 e l’Assistenza sanitaria turistica a Torre Chianca, Frigole e San Cataldo

LECCE – Saranno attivi già da questo week end i servizi sanitari estivi sulle marine leccesi. Viste le prime presenze turistiche in città e sul litorale il Comune ha deciso di accelerare i procedimenti inerenti l’attivazione dei Presidi del 118 e dell’Assistenza Sanitaria Turistica nelle marine di Torre Chianca, Frigole e San Cataldo. Anche quest’anno il Settore Ambiente guidato dal dirigente Fernando Bonocuore, d’intesa con l’Asl, ha allestito le postazioni di Pronto Soccorso Estivo per fronteggiare in maniera adeguata le esigenze di natura sanitaria e garantire l’eventuale soccorso presso le località balneari leccesi che registrano le maggiori presenze di cittadini e turisti fino al prossimo 20 settembre, salvo proroghe. “Obiettivo prioritario di questi interventi – ha fatto sapere l’assessore Andrea Guido – è quello di assicurare una più razionale ed equa assistenza sanitaria sul territorio e tutelare la salute del cittadino anche durante il periodo estivo. Un servizio indispensabile per i tre mesi estivi. Divertimento sì, ma in sicurezza, in modo particolare per le famiglie che hanno dei bambini piccoli e per gli anziani per la cui assistenza non si conoscono vacanze. Il compito del Comune – vale a dire fornire gli immobili idonei dal punto di vista igienico-sanitario e strutturale e provvisti di ogni utenza necessaria al regolare svolgimento delle attività – è stato svolto, quest’anno, con leggero anticipo, questo per non rischiare di trovarsi impreparati non appena le temperature si alzeranno”. Ecco dove sono stati predisposti i presidi sanitari: San Cataldo: locali siti in Via Cristoforo Colombo Torre Chianca: locali siti in Via Marebello n.10 Frigole: locali siti in Via Lungomare Attilio Mori n.16

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!